Ciclismo su pista, Olimpiadi Rio 2016: le ambizioni dell’inseguimento femminile azzurro

inseguimentofemminilepizzuto.jpg

Non solo Elia Viviani. In molti parlano ovviamente del velocista veronese come protagonista della spedizione italiana del ciclismo su pista, con tantissime ambizioni di medaglia nell’omnium. Ma ci sono anche altre cinque ragazze a Rio pronte a stupire sull’Olympic Velodrome a partire dal prossimo 5 agosto, data di apertura dei Giochi Olimpici.

Queste le cinque ragazze che si giocheranno i quattro posti nel trenino italiano: 

Beatrice Bartelloni (G.S. Fiamme Oro)
Simona Frapporti (G.S. Fiamme Azzurre)
Tatiana Guderzo (G.S. Fiamme Azzurre)
Francesca Pattaro (BePink)
Silvia Valsecchi (BePink)

Parlare di obiettivi si può, visti i recenti risultati ottenuti dall’ormai collaudato quartetto azzurro. Purtroppo le medaglie sono ancora lontanissime: Stati Uniti, Canada, Gran Bretagna, Australia e Nuova Zelanda hanno tutt’altra tradizione e distano ancora una decina di secondi (che su una prova di circa 4′ sono davvero moltissimi). Alle Olimpiadi si gareggia solo per le medaglie, certo, ma anche un piazzamento importante non può che fare esultare atlete e allenatori. Ambizione minima la top-10, i primi cinque posti sembrano essere blindati, dunque si potrebbe lottare per la sesta piazza, già raggiunta nella manifestazione iridata a Londra. Poi, visti i miglioramenti, non si può non puntare al record italiano.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Fabio Pizzuto

Lascia un commento

Top