Ciclismo femminile: un futuro da cronowoman per Longo Borghini? Il post Rio apre a nuovi scenari

Elisa-Longo-Borghini-Pier-Colombo.jpg

Le straordinarie Olimpiadi di Rio 2016 targate Elisa Longo Borghini aprono nuovi scenari alla 24enne del team Wiggle-High5. La ragazza di Ornavasso, tornata in Italia con la medaglia di bronzo della prova in linea ed un ottimo quinto posto della difficile cronometro brasiliana, ricorderà a vita i Giochi appena trascorsi.

Nella prima gara su strada, staccatasi nell’ultima decisiva salita, Elisa ha trainato l’olandese Anna Van der Breggen e la svedese Emma Johansson sino al traguardo, cogliendo un podio dall’immenso peso specifico. Nell’ultimo tratto in pianura l’azzurra ha chiuso il gap dall’americana Mara Abbott praticamente da sola, ricevendo il cambio in rarissime occasioni. Senza le sue “trenate” in stile Fabian Cancellara, per Abbott si sarebbero spalancate le porte dell’Olimpo. Atteggiamento da passista/scalatore rinnovato con prorompente linfa nella cronometro individuale, conclusa, come detto, in quinta posizione dopo essere stata al vertice per i 2/3 di corsa. Il futuro da cronowoman di Longo Borghini potrebbe essere roseo, considerato ciò che di buono Elisa ha offerto in Brasile.

I prossimi Campionati del Mondo di Doha (Qatar) saranno la cosiddetta prova del nove per l’azzurra.

Foto: pagina Facebook Wiggle-High5

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

ciro.salvini@oasport.it

Tag

Lascia un commento

Top