Canottaggio, Olimpiadi Rio 2016: le semifinali di doppio pesi leggeri e quattro senza, Italia per la cinquina

QUATTRO-SENZA-maschile-giuseppe-vicino-matteo-lodo-matteo-castaldo-domenico-montrone-1-e1470675174814.jpg

Due senza, doppio e quattro senza pesi leggeri potrebbero essere raggiunti in finale dal quattro senza di Giuseppe Vicino, Matteo Lodo, Matteo Castaldo e Domenico Montrone e dal doppio pesi leggeri di Andrea Micheletti e Marcello Miani. Gli azzurri hanno le carte in regolare per passare il turno.

DOPPIO PESI LEGGERI

AUT POL RSA NOR ITA DEN (i primi tre in finale)

Andrea Micheletti e Marcello Miani ritrovano i campioni olimpici danesi Mads Rasmussen e Rasmus Quist Hansen, veterani classe ’81 e ’80 già battuti in batteria. Due le barche da tener d’occhio: la Norvegia di Kristoffer Brun-Are Strandli, binomio che cerca la consacrazione olimpica dopo svariati podi iridati ed europei, e il Sudafrica di James Thompson e John Smith, d’oro ai Mondiali 2014 e campioni olimpici del quattro senza pl a Londra 2012. Due equipaggi senza dubbi più collaudati degli azzurri che hanno tuttavia le qualità per giocarsela sino in fondo. Austria e Polonia non dovrebbero essere un fattore.

QUATTRO SENZA

RUS USA AUS ITA GRE RSA (in finale i primi tre)

Inutile girarci attorno, Giuseppe Vicino, Matteo Lodo, Matteo Castaldo e Domenico Montrone sono i favoriti della semifinale insieme all’Australia di William Lockwood, Joshua Dunkley Smith, Joshua Booth e Alexander Hill. Interessante proprio il duello con gli australiani, autori di un tempo migliore in batteria rispetto agli azzurri. Per il terzo posto lotta tra Grecia e Sudafrica.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.drago@oasport.it

 

Lascia un commento

Top