Calcio, Ventura si prepara all’esordio da ct: “Ripartiamo dall’Italia degli Europei”

Giampiero-Ventura-calcio-foto-twitter-torino.jpg

Da Bari a Bari. Antonio Conte esordì da ct dell’Italia al San Nicola, due anni fa contro l’Olanda, Giampiero Ventura farà lo stesso domani sera contro la Francia in amichevole. Il nuovo ct, intervenuto poco fa in conferenza stampa, ha rivelato le proprie sensazioni alla vigilia dell’esordio sulla panchina azzurra. “C’è un filo conduttore fra me e Conte – si legge sul sito della Figc -. Ho preso il suo posto a Bari, ora ho preso il suo posto in Nazionale e come lui giocherò la mia prima partita a Bari. Mi auguro di proseguire quello che ha fatto Conte e possibilmente migliorarlo. Parto da un presupposto positivo, perché il grosso lavoro fatto da Antonio me lo ritrovo e mi aiuta avendo pochissimo tempo a disposizione“.

E’ una partita stimolante per entrambe le squadre – ha poi aggiunto l’ex allenatore del Torino – una gara importante così come è molto importante la partita che giocheremo in Israele. Sarebbe un successo vedere quella fame e quella voglia viste all’Europeo. Vorrei che nei prossimi mesi si vedesse una squadra dal punto di vista dell’organizzazione, della compattezza e della voglia di vincere. Il mio obiettivo primario è riprendere da dove si è fermata l’Italia agli Europei, ci sono tutti i presupposti per fare qualcosa d’importante“.

Negli ultimi giorni hanno fatto molto discutere le parole di Ventura su Domenico Berardi, il miglior giocatore di questo avvio di Serie A escluso per scelta tecnica (non adatto al 3-5-2) prima ancora che per infortunio. “Gli esterni? Vorrei che diventassero lo zoccolo duro della nazionale del futuro, è evidente che ci sarà un ricambio generazionale e questo non può avvenire per caso, dobbiamo mettere questi giovani in condizione di potersi inserire. Berardi? E’ un capitale, spero il prima possibile dell’Italia“. E su Marco Verratti, presente e futuro della regia azzurra: “E’ un giocatore dalle grandissime potenzialità ed è stato frenato da un problema fisico. La giovane età gli dà la possibilità di prendersi quanto si è perso, è un capitale importante per questa Nazionale”.

Al fianco di capitan Gianluigi Buffon, 38 anni, ci sarà invece il 17enne Gianluigi Donnarumma, suo erede naturale alla prima convocazione con la maglia dell’Italia maggiore. Il portiere del Milan sta bruciando le tappe e il suo collega bianconero, seduto vicino a Ventura, ha speso parole al miele per lui: “Non è una sorpresa trovarlo qua, Gigio sta facendo delle cose eccezionali. E’ un predestinato per quello che ha fatto vedere fino ad oggi. Nessuno gli ha regalato niente, se lo merita per il talento, la classe e il sacrificio“.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace alla pagina “La storia dell’Italia nelle fasi finali di Mondiali ed Europei

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Twitter Torino

Lascia un commento

Top