Calcio, Champions League 2016-2017: Roma-Porto 0-3. Le pagelle della disfatta giallorossa

14063971_278222599221517_7477561153308174334_n.jpg

Una vera e propria “Caporetto” per la Roma di Luciano Spalletti, questo match di ritorno del playoff di Champions League contro il Porto, vittorioso 3-0 grazie alle reti di: Felipe al 8′, Layun al 73′ e Corana al 75′. Un tris, con i giallorossi in 9 uomini per le espulsioni di Daniele De Rossi ed Emerson Palmieri, che vale l’accesso al tabellone principale di Champions Leaghe ai portoghesi e l’Europa League per i capitolini.

W. Szczesny 4.5: l’uscita scriteriata sul raddoppio di Layun ed il goal subito sul suo palo, ad opera di Corona, descrivono più di ogni altra parola la prova dell’estremo difensore romanista.

Bruno Peres 5.5: il ruolo di terzino destro, con difesa a quattro, non sembra esaltarne le caratteristiche e si vede nel corso del match quando, in fase di copertura, concede praterie ai giocatori avversari.

K. Manolas 5: un birillo il difensore greco, saltato spesso e volentieri dai portoghesi, senza dare la necessaria sicurezza al reparto.

D. De Rossi 4: inammissibile il fallo del giocatore della nazionale italiana sul finire del primo tempo. Un intervento che costa l’espulsione al giallorosso, lasciando la squadra in inferiorità numerica.

Juan Jesus 5: completamente spaesato nel ruolo di terzino sinistro, mai coi tempi  giusti di inserimento e spesso in ritardo nelle chiusure.

K. Strootman 5.5: lotta, combatte in mezzo al campo ma pecca di lucidità. Non è lo Strootman che conoscevamo e si vede.

L. Paredes 5: un fantasma in mediana, con scarsa personalità. Il giocatore ammirato nell’Empoli è lontanissimo da quello visto nei primi quaranta minuti di stasera.  E. Palmieri al 41′ 4: un vero disastro l’esterno brasiliano: fallaccio a centrocampo sotto gli occhi dell’arbitro, cartellino rosso e Roma lasciata in nove.

M. Salah 5.5: a corrente alternata è uno dei pochi che tenta la via della rete ma la partita lo costringe ad un lavoro non adatto alle sue caratteristiche.

R. Nainggolan 6: l’ultimo ad arrendersi ma il secondo e terzo goal del Porto affossa anche il suo spirito battagliero.

D. Perotti 5.5: tanta volontà ma non sufficientemente lucido negli ultimi 20 metri Gerson al 85: s.v.

E. Dzeko 5: poco mobile e scarsamente incisivo. Non riesce ad essere il riferimento offensivo che vorrebbe Spalletti  J.Iturbe al 59′ 5.5: entra quando la situazione è quasi irrimediabilmente compromessa. Prova qualche accelerazione delle sue ma non incide.

All. Spalletti 5: non dà un approccio vincente alla squadra ed i ruoli scelti per De Rossi e Paredes non hanno convinto, visto lo sviluppo dell’incontro.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Immagine: pagina FB A.S. Roma

Lascia un commento

Top