Beach volley Olimpiadi Rio 2016. Walsh/Ross di un altro pianeta: Menegatti/Giombini escono a testa alta

giombini-13.8.2016.jpg

C’era poco da fare contro due monumenti del beach volley mondiale. Marta Menegatti e Laura Giombini alzano bandiera bianca e si inchinano allo strapotere di due macchine pereftte come Kerri Walsh e April Ross che vincono 2-0 e proseguono ila loro marcia verso il podio.

Due avvii di set su buoni livelli non bastano alle azzurre per coltivare fino in fondo il sogno di poter impensierire la regina del beach olimpico e la sua fedele scudiera. Ross e Walsh danno l’impressione di non dare fondo a tutte le energie eppure riescono con naturalezza a farsi trovare pronte in difesa, a muro, in attacco e anche in battuta dove solo a sprazzi, per la verità, riescono a mettere in difficoltà le azzurre.

Nel primo set la coppia italiana resta addirittura avanti fino al 6-5, poi arriva la valanga a stelle e strisce che travolge Menegatti/Giombini. Non cade più nuella nel campo di Walsh/Ross che tra muri, difese, rigiocate e errori delle azzurre, volano addirittura sul 16-7 con un break di 11-1. Le italiane raccolgono i cocci, ritrovano qualche cambio palla e si arrendono con il punteggio di 21-10.

Nel secondo set c’è partita. Menegatti non si arrende e inventa qualche giocata straordinaria per tenere il ritmo delle statunitensi. Azzurre avanti fino all’8-7. Menegatti7Giombini riescono a rintuzzare il primo tentativo di fuga delle rivali (da 10-8 a 10-10) ma Walsh/Ross ripartono forte (13-10). Le azzurre mantengono la scia fino al 16-13 poi un bagher sbagliato da Menegatti è il segnale della resa. Walsh/Ross vincono 21-15 e volano ai quarti. Menegatti/Giombini escono dal campo col sorriso sulle labbra, certe di aver giocato il tiorneo secondo le loro possibilità attuali.

Lascia un commento

Top