Basket, Olimpiadi Rio 2016: Stati Uniti-Serbia, la finale in tre chiavi tattiche

basket-milos-teodosic-serbia-Credit-Photo-Fiba-Basketball-Twitter.jpg

Questa sera ci sarà la finale del torneo di basket delle Olimpiadi di Rio 2016 tra Stati Uniti e Serbia. Qui di seguito l’analisi della sfida in tre punti:

CABINA DI REGIA: il duello in questo caso è tutto tra Milos Teodosic e Kyrie Irving. Entrambi stanno vivendo il miglior momento della loro carriera e sono stati grandi protagonisti con la maglia dei loro club. Da eterno perdente a trascinatore di una nazionale che sogna l’oro olimpico, questa la parabola della carriera di Teodosic, da sempre considerato uno dei migliori play d’Europa e che, dopo numerose delusioni, ha finalmente raggiunto il suo apice vincendo nello stesso anno campionato russo, Eurolega e almeno la medaglia d’argento. Dall’altra parte c’è Irving, reduce dal titolo NBA conquistato con i suoi Cleveland Cavalliers, segnando anche la tripla della vittoria nella decisiva gara 7. Tornando al match di stasera non sarà importante solo l’attacco, ma soprattutto l’atteggiamento difensivo che entrambi mostreranno: soprattutto Teodosic, che non è certamente un grande difensore sarà chiamato ad un lavoro extra su Irving e anche poi sul subentrante Lowry.

 

TIRATORI SCELTI: il tiro da tre punti sarà un altro elemento chiave nella sfida di questa sera. Gli Stati Uniti sono la squadra con la percentuale migliore (37.6%), ma anche la Serbia è subito dietro (35.7). Kevin Durant sta viaggiando ad un irreale 62.5% dall’arco ed è ovviamente la principale arma offensiva di Team USA, ma la squadra di coach K può contare anche su Kyrie Irving, Carmelo Anthony e soprattutto Klay Thompson, che in questa Olimpiade ha faticato a trovare il ritmo giusto, ma che se si dovesse accendere diventerebbe incontenibile per la difesa serba. Anche Djordjevic, però, ha a sua disposizione alcuni grandi tiratori, primo fra tutti Bogdan Bogdanovic, che sta tirando con oltre il 40% dalla linea dei tre punti.

 

SOTTO IL FERRO: lo scontro più accesso ed infuocato sarà quello sotto i tabelloni. DeAndre Jordan e DeMarcus Cousins da una parte, Miroslav Raduljica e Nikola Jokic dall’altra, anche se forse quest’ultimo verrà meno coinvolto dalla battaglia. Soprattutto il nuovo centro dell’Olimpia Milano è il perno fondamentale della squadra di Djordjevic, essendo il miglior marcatore serbo nell’intero torneo (oltre 15 punti di media). Raduljica si troverà a battagliare con i due lunghi americani e il suo lavoro sarà quello di caricare di falli soprattutto Jordan, che ha caratteristiche che nessun lungo della Serbia ha e che già in semifinale con la Spagna ha dominato, stabilendo il record di rimbalzi conquistati (16) per la nazionale americana.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca Qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Credit Photo: Fiba Basketball Twitter (Fiba.com)

Tag

Lascia un commento

Top