Basket, Olimpiadi Rio 2016: Stati Uniti-Serbia, dalla finale mondiale a quella olimpica

basket-kevin-durant-stati-uniti-rio-2016-Credit-Photo-Fiba-Basketball-Twitter.jpg

Ancora una volta Stati Uniti e Serbia si incontrano in una finale. Due anni fa era stata quella mondiale, mentre stasera (prima palla a due alle 20.45) il palcoscenico sarà ancora più importante perchè si tratta dell’ultimo atto delle Olimpiadi di Rio 2016.
Terza finale olimpica consecutiva per Team USA, mentre per la Serbia è una prima volta da stato indipendente, visto che in precedenza come Yugoslavia aveva vinto l’oro del 1980 e altre tre medaglie tra il 1984 e il 1996 (due argenti e un bronzo).

Stati Uniti alla caccia del terzo oro di fila, con Carmelo Anthony che sogna di diventare il giocatore con più medaglie e titoli olimpici della storia della nazionale. Attualemente la stella dei New York Knicks ha messo al collo il bronzo di Atene e i due ori di Pechino e Londra.
Americani ovviamente favoriti, in virtù di un cammino finora perfetto e che non ha conosciuto passi falsi. Dal momento che è iniziata la fase ad eliminazione diretta Durant e compagni hanno certamente alzato il loro livello di gioco, soprattutto in fase offensiva ed infatti sono arrivate due vittorie convincenti e senza mai rischiare con Argentina e Spagna.

Una nazionale statunitense diversa dunque dal girone iniziale, nel quale le due nazionali si sono affrontate. Una partita che era stata molto equilibrata e vinta per soli tre punti (94-91) dalla squadra di coach K, ma con Bogdan Bogdanovic che ha avuto la possibilità d pareggiare e mandare la sfida agli overtime. Molto più netto, però, fu il successo nella finale iridata del 2014: in quella occasione non ci fu davvero partita, con gli americani che demolirono i serbi 129-92.

Una Serbia che ha comunque le sue possibilità questa sera, ma che dovrà ovviamente giocare la partita perfetta. Certamente la squadra di Djordjevic è in crescita e le belle vittorie con Croazia ed Australia ne sono una prova. Il vantaggio dei serbi è quello di non avere pressione, di essere “spacciati” e dunque di giocare con la mente libera. Tanto o quasi tutto dipenderà dal rendimento Milos Teodosic, che è il faro e la mente di questa squadra, ma anche dal lavoro sotto i tabelloni di Miroslav Raduljica, che dovrà cercare di stare attento con i falli perchè appare l’unico in grado di contenere Cousins e Jordan.

Il pronostico è tutto per gli Stati Uniti, ma c’è la possibiltà di assister ad una splendida finale, che può anche essere equilibrata e che può regalare una delle più incredibili sorprese di queste Olimpiadi.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca Qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Credit Photo: Fiba Basketball Twitter (Fiba.com)

Tag

Lascia un commento

Top