Basket, Olimpiadi Rio 2016: c’è Serbia-Stati Uniti, Australia e Francia cercano un altro successo

basket-teodosic-bogdanovic-serbia-fb-milos-teodosic.png

Continua il torneo di basket maschile alle Olimpiadi di Rio 2016 e scendono in campo le squadre del Gruppo A per la loro quarta giornata. Ad aprire il progromma giornaliero è la sfida tra Australia e Cina. I “Boomers” sono la grande rivelazione del torneo, dopo le splendide vittorie contro Francia e Serbia e il quasi miracolo con gli Stati Uniti. Per Mills e compagni l’impegno con la Cina appare quasi una passeggiata, anche perchè gli asiatici hanno ormai pochissime speranze di accedere ai quarti di finale. Con una vittoria l’Australia sarebbe certa del secondo posto

Dopo la sofferta vittoria con l’Australia, tornano in campo gli Stati Uniti (sempre alla mezzanotte italiana) e lo fanno contro la Serbia. Sicuramente è la partita del giorno anche se il pronostico è tutto a favore di Anthony e compagni che in caso di vittoria metterebbero in ghiaccio il primo posto in classifica. Alla squadra di Djordjevic servirà un’impresa e proverà ad affidarsi alla fisicità di Raduljica sotto canestro (che sfida con Cousins e Jordan) e poi al talento dei suoi piccoli, sperando di ritrovare anche lo Jokic visto al Preolimpico di Belgrado.

Ultimo match della giornata è quello tra Francia e Venezuela. I transalpini dopo un brutto esordio con l’Australia si sono ripresi e vanno alla ricerca della terza vittoria consecutiva. Per i sudamericani invece è l’ultima occasione per sperare ancora nei quarti di finale. Un successo del Venezuela avrebbe del clamoroso, ma sicuramente la “Vinotinto” ci proverà fino all’utlimo secondo

 

Questo il programma delle partite:

Ore 19.15 Cina-Australia

Ore 00.00 Stati Uniti – Serbia

Ore 03.30 Francia – Venezuela

 

Classifica: Stati Uniti 6, Australia 4, Francia 4, Serbia 2, Venezuela 2, Cina 0

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca Qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

foto pagina FB di Milos Teodosic

Lascia un commento

Top