Basket, Olimpiadi Rio 2016: Carmelo Anthony salva gli Stati Uniti contro l’Australia. Una gemma di Parker batte la Serbia

basket-carmelo-anthony-team-usa-fb-usa-basketball.jpg

Sono due i grandi protagonisti della serata del torneo di basket maschile alle Olimpiadi di Rio 2016. Il primo è Carmelo Anthony, che difficilmente dimenticherà la sfida con l’Australia, visto che grazie ai 31 punti messi a referto è diventato il miglior marcatore di tutti i tempi degi Stati Uniti.
Una prestazione sublime quella della stella dei New York Knicks, assoluto trascinatore della squadra di coach K nella vittoria ottenuta contro una grandissima Australia. Il tabellone finale segna alla fine 98-88, ma i Boomers hanno sognato per larghi tratti della partita di poter conquistare il successo più importante della loro storia.

Un match bellissimo e cominciato con una serie di triple da entrambe le parti: Melo ne fa nove di fila, ma Ingles e Mills tengono a contatto l’Australia. I Boomers toccano anche il +7 con il canestro di un Bogut che fa la voce grossa sotto i tabelloni, ma alla fine Team Usa riesce a rimontare e alla prima sirena il punteggio è 29-29. Nel secondo quarto l’Australia prosegue nel suo spettacolo e si accende David Andersen che non sbaglia davvero mai. Mills è inarrestabile e all’intervallo gli Stati Uniti sono sotto 54-49.

Dal rientro dagli spogliatoi si pensa che Team USA possa allungare in maniera definitiva ed invece Mills, autore di una clamorosa prestazione da 30 punti, continua a segnare da tre punti e l’Australia è ancora li. Alla fine gli Stati Uniti riescono a mettere il naso avanti e prima dell’ultima sirena sono sopra di tre punti. A quel punto ci pensa Carmelo Anthony che prende per mano la sua nazionale e la trascina a suon di triple, ma c’è ancora il solito Mills a tenere in vita i Boomers. Questo però è anche l’anno di Kyrie Irving e come già accaduto in gara 7 delle Finals è lui a chiudere i conti con canestri decisivi, sommati a due ottime difese, che permettono agli States di festeggiare la terza vittoria consecutiva.

Il secondo protagonista della giornata è Tony Parker. Non è tanto per la prestazione del play francese, ma per quel canestro a 30 secondi dalla fine del match contro la Serbia che potrebbe aver cambiato l’Olimpiade della Francia. Fino a quel momento Parker era stato forse tra i peggiori in campo, ma i campioni si vedono nel momento del bisogno e il suo arresto e tiro nel finale di partita ne sono la prova.

La Francia batte la Serbia 76-75 al termine di una partita bella e combattuta, che ha visto i transalpini scappare via nel primo quarto, per poi essere ripresi dai serbi grazie ad un’ottima parte centrale. Nando De Colo è il mattatore con 22 punti, mentre alla Serbia non bastano i 16 di un Raduljica, che continua a far sognare i suo nuovi tifosi milanesi. Alla fine, però, ci ha pensato ancora una volta Tony Parker, perchè è inutile negarlo che il sogno medaglia della Francia passa ovviamente tra le mani del suo leader e campione.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca Qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

foto pagina FB USA Basketball

Lascia un commento

Top