Atletica, Olimpiadi Rio 2016: Jeff Henderson si aggiudica una combattuta gara nel lungo

Atletica-Jeff-Henderson.png

La gara del salto in lungo, da sempre dominata dagli atleti a stelle e strisce, torna negli Stati Uniti dopo due edizioni consecutive che erano sfuggite a questa regola. A trionfare a Rio 2016 è stato Jeff Henderson, ventisettenne che non aveva mai vinto medaglie internazionali, ma che è riuscito ad avere la meglio in una gara molto equilibrata ed avvincente. A decidere, infatti, è stato il suo ultimo tentativo, con il quale ha fatto segnare una misura di 8.38 metri, superando di un solo centimetro il sudafricano Luvo Manyonga, che poco prima aveva realizzato il proprio primato personale in 8.37 metri. Il venticinquenne riesce dunque ad imitare il connazionale Godfrey Khotso Mokoena, che otto anni fa ottenne il medesimo risultato.

Completa il podio il campione di Londra 2012, il britannico Greg Rutherford, praticamente imbattuto nelle grandi manifestazioni degli ultimi anni, che ottiene il bronzo con la misura di 8.29 metri. A graziarlo è stato il secondo statunitense Jarrion Lawson, che nell’ultimo tentativo ha realizzato una grande prestazione, certamente da medaglia e forse anche da oro, ma ha rovinato tutto toccando la sabbia con la mano prima dell’atterraggio. Un incredibile errore tecnico che rovina una possibile impresa.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top