Atletica, Olimpiadi Rio 2016: impresa azzurra, finale e record italiano per la 4×400 metri femminile

Atletica-Libania-Grenot.jpg

L’atletica leggera ha regalato questa notte una rara soddisfazione – in questo sport – ai colori azzurri in occasione dei Giochi Olimpici di Rio 2016. Protagoniste dell’impresa odierna sono state le quattro ragazze della staffetta 4×400 metri (Maria Benedicta Chigbolu, Maria Enrica Spacca, Ayomide Folorunso e la capitana Libania Grenot), capaci di ottenere la qualificazione alla finale con tanto di record nazionale in 3’25″16. Distanti dalle imprendibili giamaicane, che avrebbero poi chiuso in 3’22″38, le azzurre hanno lottato con le altre squadre, chiudendo quarte sul traguardo anche alle spalle di Gran Bretagna e Canada, ma davanti alla Germania e con un tempo che ha permesso al quartetto di conquistare il migliore dei due tempi di ripescaggio. Nella prima batteria di semifinale, gli Stati Uniti avevano stabilito il miglior crono in 3’21″42, superando Ucraina e Polonia, con l’Australia che ha ottenuto la qualificazione per ripescaggio. In base a questi risultati, Libania Grenot sarà dunque l’unica azzurra a potersi fregiare della partecipazione a due finali, dopo l’ottavo posto nel giro di pista individuale.

Nell’omologa prova maschile, invece, la Giamaica ha ottenuto il miglior tempo nella prima batteria, chiudendo in 2’58″29 davanti a Stati Uniti e Botswana, vista anche la squalifica di Trinidad & Tobago. Nella seconda, la Gran Bretagna aveva chiuso in 2’58″88 su Belgio e Bahamas, ma la squalifica del quartetto della Union Jack ha permesso anche a Cuba di ottenere il pass diretto. Passano per ripescaggio le due quarte classificate, rispettivamente Polonia e Brasile.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top