Atletica, Olimpiadi Rio 2016 – 50km di marcia drammatica! Sviene Diniz, Toth Campione davanti a Tallent

Matej-Toth.jpg

Alle Olimpiadi di Rio 2016 è andata in scena una drammatica 50km di marcia, ricca di colpi di scena e imprevedibile fino al traguardo dove è transitato per primo lo slovacco Matej Toth. Il Campione del Mondo in carica si è imposto con il tempo di 3h40:58 al termine di una gara spettacolare, con continui capovolgimenti di fronte e quattro differenti uomini solitari al comando.

Il 33enne ha realizzato così l’accoppiata Olimpiadi e titolo iridato, confermandosi come il miglior marciatore dell’ultimo biennio. Il suo trionfo si è deciso solo alla campanella, quando mancavano 2km allo striscione. Proprio in quel momento ha infatti affiancato e superato l’australiano Jared Tallent che aveva guidato in solitaria per gli ultimi dieci chilometri.

Il Campione Olimpico di Londra 2012 ha faticato nell’ultimo giro di pista ma è riuscito a conservare la medaglia d’argento (3h41:16) precedendo il sorprendente giapponese Hirooki Arai (3h41:24). Entrambi sono riusciti a battere l’inatteso canadese Evan Dunfee (3h41:38) che aveva preso il comando delle operazioni per alcuni chilometri dopo il tracollo di Yohann Diniz.

 

L’eroe di giornata è stato proprio il francese che ha concluso la gara con tanta fatica e in maniera commovente. Il Campione d’Europa in carica era partito a spron battuto, lanciatissimo fin dal primo chilometro. Il 38enne ha avuto addirittura un minuto e mezzo di vantaggio sul gruppo, ha controllato comodamente fino al 32esimo chilometro poi è successo quello che non ti aspetti: si è improvvisamente fermato, paventando un problema all’inguine e anche dei fastidi intestinali.

Si fa raggiungere da Dunfee e prova a tenere il passo del nordamericano, ma l’ultimo barlume di forza dura solo qualche chilometro. Viene rimontato anche dal gruppo ed è qui che letteralmente sviene in strada! Il sole ha fatto sicuramente effetto sul suo fisico, ma con coraggio si è rimesso in piedi dopo qualche secondo ed è riuscito a completare la sua prova in ottava posizione (3h46:43).

L’unico italiano al traguardo è stato Marco De Luca, 21esimo in 3h54:40. Teodorico Caporaso è stato squalificato. Matteo Giupponi, ottavo nella 20km della scorsa settimana, si è ritirato. L’infinito Jesus Garcia, alla sua settima Olimpiade, ha strappato un 20esimo posto (3h54:29) a oltre 46 anni!

 

Lascia un commento

Top