Volley, World League 2016 – L’Italia all’esame Velasco! L’Argentina sulla strada degli azzurri verso la Final Six

Italyteamtopraiseagoodfightbeforethematch.jpg

L’Italia è pronta per disputare l’ultimo weekend della World League 2016 di volley maschile. Gli azzurri sono a Teheran (Iran) e oggi pomeriggio (ore 15.30 italiane, diretta tv su RaiSport1 e diretta scritta su OASport) incominceranno le loro fatiche affrontando l’Argentina di Julio Velasco, il Guru che rivoluzionò la pallavolo nel nostro Paese.

Gli azzurri devono assolutamente vincere per continuare a sperare nella qualificazione alle Final Six di Cracovia: la partecipazione all’atto conclusivo del prestigioso torneo internazionale passa dalla partita contro i sudamericani, formazione in grandissima crescita e che nelle ultime uscite hanno demolito la Russia per 3-0 e sconfitto la Francia al tie-break. Dobbiamo assolutamente batterli e poi incamerare un altro successo per avere la certezza di volare in Polonia a metà luglio.

 

I ragazzi di Blengini non dovranno scherzare col fuoco al cospetto della formazione guidata dal Maestro del Volley, qualificata alle Olimpiadi 2016 e capace di mettere in crisi le grandi formazioni del circuito. L’Albiceleste punta parecchio su un gioco accorto, difensivo e dinamico che poggia le basi sulla velocità e sulla capacità di variare gli schemi. La regia è affidata al grande Luciano De Cecco, pericolosissimo il centrale Sebastian Solé: entrambi militano in SuperLega, tra Perugia e Trento. Poglajen sta facendo molto bene proprio come Bruno.

L’ultimo precedente risale alla Coppa del Mondo 2015: l’Italia prevalse al tie-break dopo un match intenso, giocato il giorno prima della battaglia epocale vinta contro la Polonia che ci ha regalato il pass per le Olimpiadi.

 

Blengini è uno degli allievi di Velasco e lo ritrova per la quarta volta da quando siede sulla panchina dela nostra Nazionale (la sua gestione iniziò con le amichevoli proprio contro l’Argentina). Questo match è importante anche per capire lo stato di forma dell’Italia e verificare come si sviluppa il gioco, come cresce l’intesa tra i giocatori, verificare ulteriormente il nuovo modulo con Zaytsev schiacciatore, magari provare il Tridente con Vettori e Juantorena, rientrato in gruppo dopo i dolori alla spalla che gli hanno impedito di giocare a Sydney e a Roma.

Gli azzurri sono reduci dalla brutta sconfitta contro gli USA e hanno voglia di riscatto, di mostrare di cosa sono capaci, di giocare al loro livello e di dettare legge. Bisognerà ripartire dalle nostre convinzioni, giocare con pazienza e attenzione, senza andare in crisi alla prima difficoltà. Si ripartirà con Giannelli in cabina di regia, Vettori in diagonale, di banda si riproporrà Zaytsev o accanto a Lanza o accanto a Juantorena, al centro capitan Birarelli con Matteo Piano sembra ormai la coppia titolare (ma Simone Buti è in gran considerazione), Colaci il libero.

Oggi pomeriggio capiremo ancora qualcosa in più sulla nostra Nazionale a meno di un mese dalla partenza per Rio. Le Olimpiadi sono dietro l’angolo e c’è bisogno di tante risposte.

 

Lascia un commento

Top