Volley femminile, Olimpiadi Rio 2016 – Le convocate dell’Italia: 12 azzurre per sognare al Maracanazinho

Italia-volley-multicolore.jpg

Marco Bonitta, Commissario Tecnico della Nazionale Italiana di volley femminile, ha diramato le convocazioni per le Olimpiadi di Rio 2016. Queste le 12 azzurre che rappresenteranno l’Italia al Maracanazinho:

 

PALLEGGIATRICI: Eleonora Lo Bianco, Alessia Orro

OPPOSTI: Nadia Centoni, Valentina Diouf

SCHIACCIATRICI: Antonella Del Core, Paola Egonu, Serena Ortolani, Miriam Sylla

CENTRALI: Cristina Chirichella, Anna Danesi, Martina Guiggi

LIBERI: Monica De Gennaro

 

3 thoughts on “Volley femminile, Olimpiadi Rio 2016 – Le convocate dell’Italia: 12 azzurre per sognare al Maracanazinho”

  1. ale sandro scrive:

    Comprendo tutte le varie impressioni che ho sentito e letto in questo periodo su entrambe le squadre azzurre.
    Riguardo la maschile tutte cose giuste sulla poca continuità ,e incapacità di portare a casa un titolo, caratteristica che contraddistingue l’Italia ormai da un decennio.
    Rimango però dell’idea che , a prescindere dal fatto che sia passato un anno ,in cui si sarebbero dovuti vedere automatismi già oliati e poche variazioni sul tema, trovo delle analogie con la fase pre-World Cup, non sul piano tecnico ma su quello della condizione atletica, che per me è decisivo.
    Confido infatti ancora in D’Urbano e il suo staff per rivedere gli azzurri molto più reattivi nel momento che conta di più, cosa che è esattamente accaduta lo scorso anno. Ancora una volta non vedo dominatori o “ingiocabili” , quindi terreno per dare tutto e ottenere qualcosa di importante ce n’è.
    Piuttosto trovo curiosa la scelta dei due liberi, quando c’era la possibilità di spendere uno schiacciatore, per fargli fare il libero aggiunto.
    E su questo mi collego anche alla femminile dove ho grande dispiacere per il mancato recupero “alla Zurbriggen” della Gennari che avrebbe perfettamente svolto la doppia funzione. Vedo abbondanza di opposte , ma anche qui voglio sottolineare l’unica vera e sola costante assoluta di Bonitta in tutto il suo mandato, e cioè il numero delle centrali. Il resto è stato un work in progress perenne.
    Forza ragazze/i, è durissima ma mai impossibile.

    1. Nany74 scrive:

      Giusta osservazione quella sulla condizione atletica. Speriamo bene che il lavoro sia stato fatto al meglio per garantire il massimo dal fisico nei momenti giusti, anche perchè con 2 liberi (la maschile) e 2500 opposti (la femminile), avremo bisogno di fisico….e molto anche! :-)

  2. Nany74 scrive:

    Scelte abbastanza prevedibili per Bonitta, nessuna sorpresa. A dirla tutta avrei visto meglio la Malinov al posto della Orro, ma il ct avrà avuto i suoi buoni motivi per fare questa scelta. Buona l’idea di avere due opposte di ruolo e di tenersi l’alternativa Egonu nei due ruoli (anche se ci limiterebbe non poco con i cambi in posto 4). C’è da sperare che Moki non si rompa nemmeno un’unghia perchè non vedo nessuno che potrebbe svolgere il ruolo di libero al posto suo, neanche provandoci, per cui speriamo bene. L’Italia è questa, a differenza dei maschietti, penso proprio che qui ci sia ben poco da sperare: molte altre squadre sono nettamente superiori a noi, per cui mettiamocela via e speriamo giochino senza alcun timore, come quelle che non hanno nulla da perdere. Il nuovo ct della nazionale avrà molto su cui lavorare e speriamo che i club facciano altrettanto per sopperire ad una cronica mancanza di talenti che oramai ci affligge da qualche anno. Scelte chiare e decise, in una sola direzione, questo è il mio auspicio per il futuro…..poi si può anche perdere, oramai è quasi un’abitudine. Forza azzurre!

Lascia un commento

Top