Triathlon, Olimpiadi Rio 2016: le parole del Presidente FITRI sulla possibilità (sfumata) di una quinta ‘carta’ azzurra

20140531_112847_21.jpg

L’Italia ha avuto la possibilità di schierare una terza atleta (quinto partecipante in totale) nella gara femminile del triathlon alle prossime Olimpiadi di Rio de Janeiro. Tuttavia, come spiegato stamane sul sito della Federazione Italiana Triathlon, “qualcosa” ha impedito di aggiungere un pacifico soldato alla truppa italiana che sta per sbarcare in Brasile…

Queste le dichiarazioni del Presidente della FITRI Luigi Bianchi sulla possibilità – sfumata – della quinta “carta” olimpica azzurra a Rio: “Prendiamo atto della decisione del CONI riguardo la possibilità di portare una terza atleta alle Olimpiadi di Rio (presumibilmente, la ventenne Angelica Olmo, ndr). Sicuramente sia il DT Mario Miglio che la Federazione avrebbero voluto cogliere questa opportunità offertaci dall’ITU di schierare la terza donna a coronamento del gran lavoro svolto in questi anni. La cosa non è stata possibile per decisione del CONI come motivato dalla lettera inviataci, accogliamo con rammarico tale decisione ma, nello stesso tempo, ci allineiamo ad essa”.

Qualche dubbio permane, di sicuro, dispiace non poter contare su una ulteriore rappresentante del Bel Paese agli ormai vicinissimi Giochi brasiliani. Inoltre poteva trattarsi, fosse stata confermata la succitata nomination della Olmo (triatleta di belle speranze non ancora classificata nel ranking ITU senior), di una straordinaria occasione per fare accumulare esperienza ad una giovane, talentuosa azzurra, anche in ottica Tokyo 2020…

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giuseppe.urbano@oasport.it

Foto: Leonardo Beggio

Lascia un commento

Top