Tour de France 2016: Stuyven sogna, Sagan vince ed è leader in classifica

Sagan-Pier-Colombo.jpg

Peter Sagan - Foto: Pier Colombo


Sortilegio infranto. Peter Sagan ha vinto la seconda tappa del Tour de France 2016, 183 chilometri da Saint-Lô a Cherbourg-en-Cotentin nelle strade della Normandia. Favorito sin dalla mattina, lo slovacco non ha tradito andando a vestire, sopra i colori iridati di campione del mondo, la maglia gialla, pur essendo detentore anche della maglia verde della classifica a punti. Un Sagan pigliatutto che fa da contraltare a un Contador in difficoltà in un finale molto difficile da interpretare.

Come nella tappa di ieri, il gruppo non ha opposto resistenza alla formazione della fuga di giornata con Jasper Stuyven (Trek – Segafredo), Cesare Benedetti (Bora – Argon 18), Paul Voss (Bora – Argon 18) e Vegard Breen (Fortuneo – Vital Concept) che si sono avvantaggiati dopo una manciata di chilometri. Sin dalle prime battute il loro vantaggio è cresciuto velocemente fino a stabilizzarsi sui 6-7′ quando la Dimension Data ha iniziato a gestire la maglia gialla di Mark Cavendish.

La formazione del britannico, però, non ha fatto nulla per riportarsi sui fuggitivi conscia del fatto che difficilmente avrebbe tenuto la leadership della classifica generale. Le altre squadre si sono guardate e solo a 40 dal traguardo, dopo una fase centrale di corsa caratterizzata solo da una caduta che ha coinvolto tra gli altri anche Alberto Contador (Tinkoff), ha accelerato vistosamente e ha provato a limitare i danni per riportarsi sui fuggitivi.

La reazione però è stata tardiva e i fuggitivi, ridottisi a tre dopo che Benedetti aveva perso contatto a 25 chilometri dalla conclusione, sono entrati negli ultimi 15 chilometri con quasi 3′ di margine, quasi rassicurante nonostante le tre côte presenti nel finale. Sulla côte d’Octeville Stuyven ha piazzato un attacco secco in vista dello scollinamento e ha salutato la compagnia degli altri attaccanti, involandosi verso il traguardo in solitaria a 8 chilometri dal traguardo.

Stuyven è riuscito a difendersi dall’arrembaggio del gruppo, con la Tinkoff di Sagan e Contador molto attiva, fino all’inizio dell’ultimo strappo di 700 metri ma Kreuziger ha pilotato perfettamente Peter Sagan che ha lanciato una volata stranissima ma vincente con un sorpasso e controsorpasso subito e poi inflitto a Julian Alaphilippe (Etixx-QuickStep). Il campione del mondo è tornato a vincere una tappa al Tour de France che gli mancava dal 2013. Grazie anche al piazzamento di ieri, lo slovacco ha conquistato anche la prima posizione della classifica generale e la maglia gialla. Il già citato Alaphilippe ha chiuso in seconda posizione mentre Alejandro Valverde (Movistar) ha completato il podio davanti all’australiano Michael Matthews (Orica-GreenEDGE).

Se Chris Froome (Team Sky), Nairo Quintana (Movistar) e Fabio Aru (Astana) sono arrivati con lo stesso tempo di Sagan, lo stesso non si può dire di Vincenzo Nibali (Astana) e Thibaut Pinot (FDJ) che hanno pagato nel finale perdendo 11” che non influenzeranno il Tour de France ma possono essere un indicatore non certo positivo per quanto arriverà nelle prossime settimane. Staccato Alberto Contador, dolorante e attardato di 47” rispetto al gruppo dei big. Sfortunatissimo Richie Porte (BMC) che ha forato a 5 chilometri dalla conclusione  tagliando il traguardo con 1’45” di distacco. Il suo Tour è già in salita.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Foto: Pier Colombo

Lascia un commento

Top