Tiro a volo, Olimpiadi Rio 2016: il regolamento, cosa è cambiato rispetto a Londra 2012

Luigi-Lodde-tiro-a-volo-foto-federazione-italiana-fb.jpg

A Rio 2016 si applicherà il nuovo regolamento ISSF che contraddistingue le gare di tiro a volo internazionali dal 2013. Modifiche che riguardano in particolare la fase finale con i migliori sei delle qualificazioni che ripartiranno da zero nella fase finale.

SKEET

I migliori sei atleti delle serie di qualificazione accedono alla finale. La finale consiste di due momenti: una semifinale e due scontri per le medaglie. Inizia l’atleta con il numero di pettorina più basso. I finalisti qualificatisi ricominciano da zero rendendo ininfluenti i punteggi precedenti. L’ordine della semifinale e delle finali per le medaglie prevede un doppio regolare e uno invertito nelle pedane 3, 4, 5 e 4 in questo ordine. Ogni semifinale e ogni finale consiste quindi di 16 piattelli (8 doppietti). Il quinto e il sesto atleta della semifinale vengono eliminati.

TRAP & DOUBLE TRAP

Anche in questo caso, terminate le serie di qualificazioni, i migliori sei ripartono da zero. Nella semifinale di trap i tiratori occupano le pedane 1-2-3-4-5-6 (15 tiri). Per quanto riguarda i medal match i due atleti di ciascuna finale occupano inizialmente le pedane 2 e 3 (in pedana 2 l’atleta con il numero di pettorina più basso) per poi utilizzare la pedana 4; gli atleti sparano un solo piattello in ciascuna pedana e avanzano alla prossima. I tiri sono così suddivisi: due a sinistra, uno al centro e due a destra in ciascuna pedana. I finalisti hanno a disposizione un solo colpo.

Stesso discorso nel double trap con gli atleti che sparano in semifinale nelle pedane 1-2-3-4-5-6 (15 doppie). In finale i due atleti si posizionano nelle pedane 2 e 3, per poi utilizzare anche la 4. Si sparano cinque doppie (due a schema A, due a schema B e una a schema C selezionate casualmente).

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.drago@oasport.it

Lascia un commento

Top