Tennis, WTA Montreal: una brutta Roberta Vinci eliminata agli ottavi di finale dalla Kasatkina

tennis-roberta-vinci-fb-supertennis-e1451897282750.jpg

Si interrompe agli ottavi di finale del WTA Montreal il cammino di Roberta Vinci nel torneo canadese. L’azzurra, numero 8 del mondo, è stata infatti sconfitta dalla 19enne Daria Kasatkina col punteggio di 7-5 6-3 in 1 ora e 32 minuti di gioco. Un brutto incontro quello disputato dalla Vinci, non certo ben augurante per l’impegno a Cinque Cerchi che tra poco più di una settimana la vedrà protagonista a Rio De Janeiro.

PRIMO SET – L’inizio dell’incontro segue i turni al servizio ed entrambe le giocatrici sono estremamente performanti nel fondamentale, senza concedere alcuna palla break all’avversaria. Equilibrio che però si rompe nel sesto gioco quando è la Kasatkina, sfruttando qualche errore di troppo della Vinci, a concretizzare il break portandosi avanti nello score 4-2. Tuttavia, l’efficienza della battuta cala improvvisamente anche per la russa che concede alla tarantina il contro-break. Prosegue anche nei due game successivi, lo scambio di favori e Roberta è sempre costretta ad inseguire. Matura dunque il 5-5 ed in questa fase la n.33 del mondo si dimostra più lucida e meno nervosa dell’italiana. Di fatti, grazie ad un parziale di 8 punti a 2, l’azzurra è costretta a cedere il primo set, in un dodicesimo gioco nel quale succede di tutto: un nastro beffardo, un fallo di piede ed un errore di diritto grossolano della nostra portacolori.

SECONDO SET – L’andamento del confronto non muta nella seconda frazione: Kasatkina sempre estremamente ficcante nel suo tennis profondo e piatto, obbligando la Vinci a lunghe rincorse in tutte le zone del campo. Ne consegue il break del secondo game (2-0), il più lungo dell’incontro nel quale la pugliese annulla ben 5 palle break, dovendosi arrendere alla sesta. Come accaduto nel parziale precedente, però, la resa al servizio della russa è assai deficitaria, esponendosi alla risposta efficace di Roberta, in grado di contro-breakare nuovamente la rivale (2-1). Sfortunatamente anche l’azzurra non ha nella battuta il suo colpo migliore quest’oggi e per l’ennesima volta deve guardare la Kasatkina allontanarsi all’orizzonte (3-1).  Uno strappo decisivo per le sorti del match, terminato 6-3 ed in cui si è vista una tarantina lontana parente di quella del 2015.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Immagine: pagina FB Supertennis

Lascia un commento

Top