Tennis, Olimpiadi Rio 2016, le favorite: Serena Williams per il bis. Muguruza e Kerber le insidie

serena-williams-1-pagina-FB-Wimbledon-2016.jpg

L’Olympic Tennis Center è pronto ad ospitare (dal 6 al 14 agosto), tutti i match del torneo olimpico di tennis del tabellone maschile e femminile. Se tra i maschi, lo scettro a 5 cerchi verosimilmente se lo contenderanno Novak Djokovic ed Andy Murray, tra le donne Serena Williams punta decisa a bissare il successo ottenuto 4 anni fa a Londra. Una Williams che, dopo la crisi psicologica e tecnica per la semifinale persa contro Roberta Vinci agli Us Open 2015 e le sconfitte in finale agli Australian Open ed al Roland Garros, ha riassaporato il dolce gusto del successo sull’erba di Church Road. La vittoria dei Championships è la chiusura del cerchio per una campionessa che da quasi un decennio domina il circuito WTA.  Ora l’appuntamento di Rio è un’altra tappa importante per la carriera di Serena, non solo per conquistare il suo secondo oro in singolare ed il quarto con la sorella Venus nel doppio, ma anche per dare continuità e rafforzare in se stessa l’idea che ci sono ancora molte pagine da scrivere nella sua storia infinita col tennis.

Quali sono le avversarie più qualificate? La risposta è abbastanza scontata: Angelique Kerber e Garbine Muguruza. Le giocatrici menzionate, infatti, sono state capaci quest’anno di sconfiggere l’americana nelle finali in terra d’Australia ed a Parigi. Tra le due quella che sembra avere il gioco più adatto per battere la n.1 del mondo è la spagnola. Potenza e classe non le fanno di certo difetto e, come dimostrato sul rosso francese, non teme il braccio di ferro con Serena. Tuttavia, è da vedere in quali condizioni l’iberica arriverà in Brasile, soprattutto pensando al brutto ko di Wimbledon (eliminazione al secondo turno per mano di Jana Cepalova). Pertanto, da un punto di vista squisitamente psicologico, è la tedesca ad avere più certezze. Nonostante la sconfitta nell’ultimo atto londinese, Angelique ha ritrovato il suo miglior tennis, giocando per larghi tratti della partita alla pari con la Williams, su una delle superfici che più esalta le caratteristiche della statunitense. Vedremo, dunque, quali risposte ci darà l’appuntamento a 5 cerchi e se la n.1 del mondo continuerà a dettar legge o meno.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Immagine: pagina FB Wimbledon

Lascia un commento

Top