Tennis, Masters 1000 Toronto: l’implacabile Djokovic trionfa in finale per la quarta volta in Canada

djokovic-official-fb-page-e1463163153218.jpg

Tutto come previsto. Novak Djokovic piega nella finale del Masters 1000 di Toronto Kei Nishikori col punteggio di 6-3 7-5, in 1 ora 23 minuti, di gioco conquistando il trentesimo successo in un 1000 ed il quarto in terra canadese. Con questa vittoria il n.1 del mondo torna ad alzare le braccia dopo la sorprendente eliminazione di Wimbledon, contro Sam Querrey, proiettandosi a Rio 2016 con grande convinzione.

PRIMO SET – Inizio dell’incontro che segue l’ordine del servizio con entrambi i giocatori estremamente efficienti nel fondamentale e Nole impressionante per la costanza del suo gioco, a ritmi piuttosto sostenuti. Per questo il serbo dà la sensazione di poter cambiare ulteriormente marcia da un momento all’altro e ciò accade nel sesto game quando, dal 30-30 del gioco precedente, Djokovic mette una serie di 9 punti a 1 valsa il break e, sostanzialmente, il successo del parziale. Il n.1 del mondo, infatti, inserisce “il pilota automatico” facendo correre il povero Nishikori da una parte all’altra del campo costringendolo a recuperi sempre più complicati. Il 6-3 è la logica conseguenza, suggellato da un ultimo quindici nel quale Novak esibisce una difesa da “marziano”: un pallonetto che va spegnersi a 20 centimetri dalla riga di fondo, provocando l’errore dell’avversario.

SECONDO SET –  Nella seconda frazione il nipponico tenta di architettare qualcosa di diverso, cercando maggiori variazioni nel suo tennis fin troppo scontato. Il piano improvvisato, inizialmente, non pare sortire non sortire effetti e nel terzo game Djokovic esibisce il solito repertorio di colpi di altissimo profilo comportante il break (2-1). Kei però nel sesto gioco trova finalmente la misura del campo costruendosi ben 3 palle break e grazie ad uno splendido passante di dritto riequilibra le sorti del confronto. Match che diventa molto teso con entrambi i contendenti molto fallosi ma è nuovamente Nole nel decimo game, sul 5-5, a strappare la battuta al giapponese sfruttando la sua eccezionale risposta e profondità di palla. Un break che consegnale le chiavi della partita al serbo.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Immagine: pagina FB Novak Djokovic

Lascia un commento

Top