Tennis, Coppa Davis 2016: adesso all’Italia serve un’impresa

tennis-fabio-fognini-coppa-davis-twitter-davis.jpg

La seconda giornata della sfida dei quarti di finale di Coppa Davis si è chiusa nel modo più amaro possibile per l’Italia, uscita sconfitta nel doppio dopo una battaglia di cinque set. L’Argentina vede ormai vicinissima la conquista della semifinale e la squadra azzurra avrà bisogno di una vera e propria impresa per ribaltare una situazione che appare ormai compromessa.

Resta il rammarico perchè il punto del doppio è veramente sfumato per poco, con la coppia Fognini/Lorenzi capace di rimontare due set di svantaggio e di avere anche due palle break per salire 4-2 nel quinto, prima di cedere 6-4 nell’ultimo set contro il suo formato da Juan Martin Del Potro e Guido Pella. Non è dunque riuscita la doppia vittoria a Fabio Fognini, che in apertura del sabato aveva demolito agevolmente Juan Monaco, regalando il pareggio all’Italia.

Corrado Barazzutti ha scelto per il doppio Paolo Lorenzi, visto che Andreas Seppi questa mattina ha accusato in allenamento un forte dolore alla mano (escluse comunque lesioni). Il tennista romano ha fatto fatica all’inizio per poi carburare con il passare delle ore e dei set giocati. Purtroppo nel finale un pizzico di inesperienza di Lorenzi si è sentita, e anche Fognini, ormai esausto, non è più riuscito ad aiutarlo.

A questo punto all’Italia non resta che vincere i due singolari di domani. Il primo a giocare  sarà Fabio Fognini, che se la vedrà con Federico Delbonis. La speranza è quella che il ligure non sia davvero troppo stanco e che riesca a recuperare dopo un sabato nel quale è stato in campo per oltre sei ore. Si tratta della rivincita dell’ultimo Wimbledon quando il numero uno azzurro si è imposto in cinque set in rimonta, ma la sfida di domenica sarà completamente diversa. Delbonis è fresco ed in fiducia dopo la vittoria di venerdì, ma Fognini è ancora favorito e ci sono comunque ottime possibilità che l’Italia riesca ad agguantare il pareggio.

Sul 2-2 tutto è nelle mani di Andreas Seppi, chiamato a compiere una delle vittorie più importanti della carriera e del tennis italiano contro Juan Martin Del Potro. Non ci sono dubbi che in caso di parità il capitano argentino scelga la sua stella. Seppi, che non ha mai dimostrato di essere un “uomo Davis” si spera possa recuperare dal problema fisico di questa mattina e che soprattutto non senta la pressione dell’incontro, anche se il partire sfavorito potrebbe dargli un aiuto.

In caso di forfait ulteriore dell’altoatesino a quel punto Barazzutti dovrebbe scegliere tra Paolo Lorenzi e Marco Cecchinato. Il primo appare spacciato contro la potenza di Del Potro, mentre il secondo sarebbe all’esordio assoluto, ma ha già dimostrato di adattarsi bene sul rosso contro Raonic e Tsonga. A volte in Coppa Davis serve anche un po’ incoscienza per compiere imprese che vanno oltre ogni logica sportiva ed è proprio quella che domani l’Italia dovrà realizzare.

 

Foto pagina Twitter Coppa Davis

Lascia un commento

Top