Sollevamento pesi, Olimpiadi Rio 2016: le ambizioni di Scarantino e Bordignon

Giorgia-Bordignon-2-Federpesistica.jpg

Saranno Mirco Scarantino e Giorgia Bordignon i rappresentati della nazionale italiana di sollevamento pesi alle Olimpiadi di Rio 2016. Le medaglie sono lontane ma entrambi possono puntare ad ottimi piazzamenti.

Scarantino è alla seconda Olimpiade della carriera dopo la partecipazione ai Giochi di Londra 2012, quando era ancora giovanissimo. Negli ultimi 4 anni il nisseno è cresciuto e si è imposto a livello giovanile e a livello europeo anche se le sue misure restano ancora lontane da quelle dei migliori al mondo. Per quanto fatto vedere nell’ultima stagione, Mirco potrebbe arrivare ad una misura nell’ordine dei 265 chilogrammi, ad oltre 35 chili da quella che potrebbe essere, sulla carta, la medaglia d’oro del nord-coreano Yun Chol Om, favorito numero uno per la vittoria nella -56 kg. Per la medaglia di bronzo e il terzo gradino del podio potrebbero bastare 285 chili, comunque fuori portata per il siciliano.

Scarantino può lottare per l’ottava posizione con il colombiano De Las Salas, lo spagnolo Brachi Garcia e il tailandese Mingmoon: questi quattro atleti hanno potenzialità simili in termini di misure e dovrebbero giocarsi in quattro i tre posti rimasti per entrare tra i migliori 10.

Più esperta, almeno a livello di età, Giorgia Bordignon è alla prima partecipazione alle Olimpiadi. Nonostante i 29 anni ormai compiuti l’azzurra è riuscita a fare un netto salto di qualità nelle ultime stagioni che l’hanno portata ad essere la punta di diamante della nazionale femminile soppiantando Genny Pagliaro. Nel 2015 Giorgia ha chiuso al 12esimo posto il Mondiale e l’obiettivo anche per lei, in questa Olimpiade, sarà quello di entrare tra le migliori 10 nella 63kg femminile. 

L’atleta originaria di Gallarate può avere come obiettivo quello di puntare ai 220 chili, sfiorati ai Mondiali di Houston nello scorso mese di novembre. Questo non solo le garantirebbe di entrare tra le migliori 10, ma potrebbe anche consentirle di avvicinare la sesta-settima posizione, un risultato che sarebbe pienamente soddisfacente per lei e per la spedizione italiana. Le medaglie, in ogni caso, rimarrebbero molto lontane.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Foto: Federpesistica

Lascia un commento

Top