Pallanuoto femminile, Olimpiadi Rio 2016: Italia tra le outsider, attenzione alla Spagna

Giulia-Gorlero-FB-credit-Daniela-Bolla.jpg

Il torneo olimpico di pallanuoto femminile sarà tra i più equilibrati tra quelli in programma della rassegna a Cinque Cerchi: con 8 squadre al via, la lotta per la medaglie è apertissima. Abbiamo presentato le favorite (Stati Uniti, Australia e Ungheria), oggi vediamo le squadre che possono inserirsi nella lotta per il podio pur partendo un piccolo gradino più sotto.

L’Italia, che ha chiuso al terzo posto gli scorsi Mondiali, si presenta con ambizioni in Brasile. La squadra è cresciuta con il passare dei mesi e l’avvicinarsi delle Olimpiadi, trovando la miglior chimica e la miglior condizione fisica proprio a ridosso della competizione più importante del quadriennio. Il livello si avvicina a quello delle favorite, forse con i soli Stati Uniti troppo lontani per essere insidiati. Il Setterosa viene da due medaglie di bronzo nell’ultimo anno tra Mondiali e Olimpiadi. L’ultima medaglia a Cinque Cerchi, invece, risale al 2004, con l’oro di Atene.

Pericolosissima la Spagna, che dopo aver conquistato l’oro nel 2013 e 2014 rispettivamente a Mondiali ed Europei e aver passato un periodo non brillantissimo ha ritrovato il giusto feeling. In questo 2016 ha conquistato la qualificazione ai Giochi e il secondo posto in World League poco più di un mese fa: un biglietto da visita non indifferente. In un’ideale griglia di partenza, starà un po’ più indietro la Russia, cui negli ultimi anni sono mancati i risultati nel grandi eventi. Nel 2011 l’ultima medaglia, un bronzo iridato che però non si è più ripetuto nemmeno in campo Europeo.

Completano il tabellone Cina e Brasile: la squadra asiatica è di difficile interpretazione ma non sembra avere un organico adatto a lottare per una medaglia. Il Brasile, invece, manca una top 10 ai Mondiali dal 1991 e solo questo dovrebbe essere un dato rilevante per quanto riguarda la qualità del team.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Foto: Daniela Bolla

Lascia un commento

Top