Olimpiadi Rio 2016, i qualificati dell’Italia: le schede degli azzurri. Volley femminile: Antonella Del Core

Antonella-Del-Core-Italia-volley-preolimpico.jpg

ANTONELLA DEL CORE

Nome: Antonella

Cognome: Del Core

Luogo e data di nascita: Napoli, 5 novembre 1980

Disciplina: Volley

Ruolo: Schiacciatrice

Club: Si ritirerà dall’agonismo al termine delle Olimpiadi 2016

Altezza: 182cm

Palmares (con la Nazionale): oro agli Europei 2007 e 2009, oro alla Coppa del Mondo 2007 e 2011, argento agli Europei 2005, argento al Grand Prix 2004 e 2005, bronzo al Grand Prix 2006 e 2010

Precedenti alle Olimpiadi: Londra 2012 (eliminazione ai quarti di finale), Atene 2004 (eliminazione ai quarti di finale)

Ambizioni a Rio: qualificazione ai quarti di finale

 

Antonella Del Core è la nostra capitana, il motore in più di questa squadra, un punto di riferimento per le giovani e soprattutto la mente calma di un gruppo che deve ancora maturare esperienza. Se l’Italia è riuscita a strappare questa rocambolesca qualificazione alle Olimpiadi è merito anche della caparbietà, del cuore e della grinta di questa infinita 35enne che a fine agosto appenderà definitivamente le ginocchiere al chiodo per mettere su famiglia.

L’eterna scugnizza vuole lasciare con un ricordo indelebile, a imperitura memoria del suo talento, sigillo di una vita interamente dedicata al volley. Antonella ha vinto tutto con la nostra Nazionale ma in due assalti ai Giochi non è riuscita a spingersi oltre i quarti di finale. Questa volta proverà a farlo guidando un gruppo sulla carta tecnicamente meno valido dei precedenti e che deve superare un girone di ferro per accedere alla fase a eliminazione diretta: serve davvero un’impresa.

I suoi consueti attacchi sul muro avversario, le sue palle aggiustate, la sua forza in ricezione e la sua capacità di leggere le situazioni di gioco più estrema la rendono il vero faro di questa Italia. Sarà anche l’unica schiacciatrice dotata di caratteristiche difensive insieme a Gennari considerando l’istinto naturale di Sylla, Egonu e Ortolani.

 

 

Lascia un commento

Top