Nuoto sincronizzato, Olimpiadi Rio 2016: l’Italia cerca il suo miglior risultato di sempre

Italia.nuoto_.sincronizzato.foto_.linda_.cerruti.fb_.jpg

Tre sesti posti: è questo il miglior risultato raggiunto dall’Italia di nuoto sincronizzato nella sua storia alle Olimpiadi. Lo sport venne introdotto nel 1984, le azzurre hanno quasi sempre partecipato con i picchi della squadra ad Atlanta 1996 e Sydney 2000 e del duo Maurizia Cecconi-Alessia Lucchini sempre nell’edizione australiana.

A Rio 2016 la nazionale guidata dalla ct Patrizia Giallombardo tornerà a gareggiare in entrambi gli eventi: se Linda Cerruti e Costanza Ferro hanno dato continuità a Mariangela Perrupato e Giulia Lapi presenti a Londra 2012 (settime nel duo), la squadra si rivedrà a distanza di dodici anni dal settimo posto di Monica Cirulli, Costanza Fiorentini, Joey Paccagnella, Elisa Plaisant, Sara Savoia, Beatrice Spaziani, Lorena Zaffalon e Laura Zanazza targato Atene 2004.

Quali ambizioni per il Brasile? Con il gruppo formato da Elisa Bozzo, Beatrice Callegari, Camilla Cattaneo, Linda Cerruti, Francesca Deidda, Costanza Ferro, Manila Flamini, Mariangela Perrupato e Sara Sgarzi che partirà per Rio l’8 agosto l’obiettivo realistico è il quinto posto. Se la Russia è favorita per l’oro davanti a Cina e Giappone, con l’Ucraina che ha sempre battuto l’Italia ai recenti Europei di Londra, Egitto, Australia e le padrone di casa sono inferiori. Tale traguardo sarebbe dunque il migliore di sempre per la selezione tricolore, ringiovanita dalle forze fresche delle liguri e capitanata sempre dalle veterane romane.

Sulla carta Russia, Cina, Giappone e Ucraina rimangono davanti all’Italia anche nel duo, in cui pure la Spagna non qualificata con la squadra potrebbe impensierire Cerruti-Ferro per le posizioni di vertice. Il podio pare utopia, ma le azzurre hanno fame di crescita e, soprattutto, hanno dimostrato di saperlo fare più che bene nella rassegna continentale di maggio, terminata con l’en plein di medaglie a disposizione (nove su nove) e la consapevolezza di poter scalfire le gerarchie ormai consolidate del nuoto sincronizzato.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Facebook Linda Cerruti

Lascia un commento

Top