Nuoto, Paltrinieri: “Spero che a Rio Sun Yang ci sia. Gara della vita, ma mente sgombra”

20160518GPer-PALTRINIERI-ITA_GP13024.jpg

Media day a Ostia, nell’altro grande centro federale d’Italia dopo quello di Verona che settimana scorsa ha accolto i giornalisti a casa Pellegrini. Dalla portabandiera che andrà a Rio “per combattere” al 22enne già campione del mondo dei 1500 stile libero che, invece, va in Brasile “per vincere“: Gregorio Paltrinieri. Ma l’emiliano vola basso: “Andrò come sempre per divertirmi, fare la mia gara, nuotare il più veloce possibile e arrivare davanti a tutti, senza pensare di essere il favorito – si legge su La Stampa –. Sento di avere il fiato sul collo, percepisco la pressione della gente. Ma non sono preoccupato né ho paura: voglio prenderla, se così si può dire, alla leggera. Il più delle volte, quando ho gareggiato senza troppe aspettative, è andata meglio del previsto. Alla fine è solo una gara, quella che mi è più congeniale“.

Sun Yang sì, Sun Yang no? Il cinese ci sarà ma la sua partecipazione nella gara più tosta del suo programma, proprio quella sulle 30 vasche, è ancora un mistero. Eppure Greg continua a invitarlo: “Sinceramente, spero ci sia. Una finale con lui renderebbe la competizione più bella. Adesso che è tornato e ha scontato la sua pena, anche se breve, lo ritengo pulito“. Dalle pagine de Il Corriere dello Sport, infine, un’ambizione secca: “Vincere i 1500? Servirebbe la gara della vita. E all’Olimpiade disputare la gara della vita viene più naturale che altrove“.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: DeepBlueMedia/comunicato stampa Len

Lascia un commento

Top