Nuoto, Olimpiadi Rio 2016: la doppia missione di Paltrinieri. Per l’oro e lo sport pulito

20160518GPer-PALTRINIERI-ITA_GP13024.jpg

Gregorio Paltrinieri avrà una doppia missione alle Olimpiadi di Rio 2016: da un lato cercare di conquistare quel titolo che merita in quanto campione europeo e mondiale sia in vasca corta che in vasca lunga, dall’altra battere Sun Yang (se come sembra dovesse partecipare) e porre fine al dominio del misterioso cinese squalificato per doping nell’estate 2014 nella gara più lunga del nuoto a cinque cerchi.

Non ci sarebbe bisogno di farlo ma lo ribadiamo: nel confronto diretto tifa per l’azzurro (quasi) tutto il mondo, ormai stufo del campione uscente nonché primatista mondiale in 14’31″02 che è tanto forte in acqua quanto indisponente fuori, tra finali saltate e discutibili mosse psicologiche più simili a una partita di scacchi che ancora non si capisce dove possano portare.

Vero è che Sun Yang non sarà l’unico avversario di Greg in Brasile: oltre al gemello Gabriele Detti, che però sembra doversi concentrare maggiormente sui 400 sl d’apertura, Paltrinieri dovrà vedersi le spalle anche dall’australiano Mack Horton secondo nel ranking mondiale stagionale e dallo statunitense Conno Jaeger, argento l’anno scorso ai Mondiali di Kazan e unico in grado di battere l’emiliano nelle ultime due stagioni, al Duel in the Pool in vasca corta del dicembre 2015.

La lunga volata d’avvicinamento alla finale del 14 agosto è iniziata già da diversi mesi. Sun Yang si è nascosto (mentre ha gareggiato e convinto nei 200 e nei 400), Paltrinieri è volato fino al 14’34″04 degli Europei di Londra e continua a invitare l’asiatico al duello. Del resto, si sa, vincere a ranghi compatti è sempre più bello. Greg che ogni due/tre giorni viene sottoposto a test antidoping lo sa. Tutta Italia aspetta la resa dei conti.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: DeepBlueMedia/comunicato Len

Lascia un commento

Top