Nuoto di fondo, Europei 2016: alla vigilia delle Olimpiadi si rivede Martina Grimaldi

Martina-Grimaldi-nuoto-di-fondo-foto-fin-deepbluemedia.jpg

Per Rachele Bruni, Simone Ruffini e Federico Vanelli, che tra poche settimane voleranno a Rio de Janeiro per partecipare alla 10 chilometri olimpica di nuoto di fondo, gli Europei in programma da domenica 10 luglio a giovedì 14 sul lago di Hoorn (Olanda) non rappresenteranno ovviamente l’obiettivo principale di una lunga stagione che si completerà a ottobre con le ultime tappe della Coppa del Mondo in cui la tosca e il marchigiano sono anche, al momento, i leader delle rispettive classifiche generali.

Difficile, dunque, aspettarsi qualcosa dai tre azzurri per il Brasile in una manifestazione che, al contrario, varrà come clou annuale per tutti gli altri italiani convocati. E i nomi sono parecchi. I più importanti provengono dal settore femminile: ci sarà infatti Martina Grimaldi, che proverà a difendere il titolo vinto nel 2014 a Berlino nella maratona lunga 25 chilometri, e pure Aurora Ponselè, a cui il clamoroso errore tattico durante i Mondiali 2015 di Kazan sembra averla privata di ulteriori chance future per la 10 km (di cui è bronzo continentale in carica), la gara olimpica e, dunque, per questo più prestigiosa. La pesarese nuoterà infatti solo nella 5 km a cronometro, con buone possibilità di podio viste le sue doti sprint, mentre a far compagnia a Rachele Bruni nella distanza intermedia ci sarà l’emergente 22enne Arianna Bridi, nome nuovo della prodigiosa scuola del fondo azzurro impegnata anche nella 25. A completare il gruppo in rosa presenti Giulia Gabbrielleschi (10 km), Barbara Pozzobon (25 km) e Ilaria Raimondi (5 km).

Tra i non olimpici maschili il più atteso è invece Matteo Furlan, due volte bronzo iridato a Kazan 2015 nella 5 e nella 25 chilometri. Nome a sorpresa, timido ma con grandi qualità, il friulano si destreggerà nella distanza a cinque cerchi e in quella più lunga, cercando di carpire i segreti di Simone Ruffini e Federico Vanelli per diventare il leader del movimento nel prossimo quadriennio. Edoardo Stochino, bronzo due anni fa a Berlino nella 25 km, cercherà di confermarsi, con Mario Sanzullo a caccia invece di un buon tempo nella prova più corta a cronometro. Di scena anche Andrea Bianchi (25 km): l’Italia è una potenza delle acque libere e cercherà di ribadire quest’etichetta. Anche se il focus principale, per alcuni, rimane Rio 2016.

PROGRAMMA, ORARI E STREAMING DI HOORN 2016

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Fin/DeepBlueMedia

Lascia un commento

Top