Nuoto, Cameron McEvoy il realista: “No ai 200 sl di Rio, sono solo un essere umano”

Cameron-McEvoy-nuoto-foto-pagina-fb-dolphins-australian-swim-team.jpg

Non potrà più diventare il miglior medagliato olimpico di sempre del nuoto australiano: Cameron McEvoy ha infatti comunicato che a Rio 2016 non gareggerà nei 200 stile libero individuali nonostante il successo ai Trials di aprile in 1’45”63 (6° tempo mondiale stagionale) e la finale raggiunta nel 2015 a Kazan. Adesso, dunque, il velocista 22enne che detiene il miglior crono nella gara regina (47”04, 13/100 dal record gommato di Cesar Cielo) potrà “solo” raggiungere Shane Gould, Ian Thorpe e Alicia Coutts a quota cinque podi in una singola edizione dei Giochi con 50 e 100 sl e le tre staffette.

Non è stata una decisione semplice – recita un comunicato dello stesso atleta citato dalla Reutersanche perché i 200 sl sono da sempre una delle mie gare preferite. Ma ho dovuto fare un passo indietro perché sono solo un umano e devo conoscere i miei limiti: la mia settimana olimpica è già molto piena“. Nei 200 sl ci sarà dunque il terzo classificato ai Trials di Adelaide, David McKeon, in gara anche nei 400 sl individuali e nella 4×200 insieme proprio a McEvoy. L’altro pass è stato vinto da Thomas Fraser-Holmes.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Facebook Dolphins Australian Swim Team

Lascia un commento

Top