MotoGP, GP Germania 2016 – gara: lo stratega Marquez trionfa, Dovizioso 3°, Rossi 8° e Lorenzo 15°

Marquez-Marco-Fattori-4.jpg

In una gara resa particolarmente complicata per l’asfalto bagnato, andato ad asciugarsi, Marc Marquez trionfa ottenendo la terza vittoria dell’anno rafforzando la leadership nel Mondiale MotoGP (53esima vittoria in carriera in classe regina). Lo spagnolo ha preceduto l’inglese Cal Crutchlow di 9″857 ed Andrea Dovizioso di 11″613. Deludente la prestazione delle Yamaha con Valentino Rossi ottavo a 26″449 e Jorge Lorenzo quindicesimo a 1’17″694.

CRONACA – Pronti,via ed è subito Rossi in testa che si libera di Hector Barbera e Marquez e tenta di imporre il suo ritmo con la gomma ultra-morbida scelta all’anteriore con Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci in scia. Ducati molto performanti sul bagnato ed il Dovi e Petrucci mettono la freccia sorpassando entrambi il 46 mentre Lorenzo orbita attorno ad’anonima tredicesima piazza. Va in scena il duello tra le due Rosse con Danilo on fire, prontissimo a superare il forlivese e conquistare la testa. Condizioni di pista che esaltano gli outsiders, come Jack Miller, che al quinto giro allunga la staccata e supera Marquez al termine del lungo discesone tedesco. 93 che perde terreno, vedendosi superato anche dalla Ducati di Barbera. Lorenzo sempre più in difficoltà e con pochissimo feeling sull’anteriore, costretto a subire l’onta del sorpasso delle due Suzuki di Maverick Vinales e Aleix Espargarò decadendo in 15esima piazza.

A 19 giri dal termine, momento importante con Petrucci che perde il controllo della sua moto e cade in curva 1 mentre Marquez si rende protagonista di un lungo che lo fa scedere in nona piazza. Dovizioso dunque detta il ritmo mentre Barbera si mette in caccia di Rossi e lo supera a 16 tornate dalla fine con un Valentino molto attento a non forzare il ritmo. Il problema della yamahista è quello però di avere alle spalle un pacchetto di mischia molto aggressivo: Jack Miller, Cal Crutchlow e Dani Pedrosa. Tuttavia Vale non ci sta e recupera, prendendosi nuovamente la seconda piazza. Marquez, dunque, si gioca l’azzardo mettendo due gomme slick, anticipando la concorrenza e leggendo perfettamente la situazione. Tardivo, infatti, il ritorno ai box di Dovizioso, Rossi e Barbera che così facendo consegnano su un piatto d’argento il successo alla Honda del 93.

Nel marasma venutosi a creare Marc chiude avanti in solitaria, mentre alle sue spalle si scatena un confronto serratissimo tra Crutchlow ed il Dovi per la terza piazza con l’inglese ad avere la meglio. Cal scatenato e nell’ultimo giro si prende anche la seconda posizione di Scott Redding che all’ultima curva perde anche il terzo gradino del podio per mano di Dovizioso. Letteralmente affondato Valentino, ottavo, mai in grado di essere veloce dopo aver cambiato le mescole e non pervenuto Lorenzo in quindicesima piazza.

ORDINE DI ARRIVO

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Foto di Marco Fattori

Lascia un commento

Top