LIVE – Europei atletica 2016: la terza giornata in DIRETTA. GRENOT BIS D’ORO! Delusione Galvan. Chatbi quinto, Manenti sesto. Benedetti vola in finale

Libania-Grenot.jpg

Buongiorno agli appassionati di atletica leggera e bentornati alla terza giornata dei campionati Europei di Amsterdam che seguiremo minuto per minuto. L’Italia punta a muovere finalmente il medagliere e si aggrappa come a Zurigo alla “Panterita” Libania Grenot che gareggia per il bis sui 400 metri. Attese anche per Matteo Galvan nei 400 uomini, fresco reduce dal primato italiano eguagliato. Tanti azzurri in gara (ben 21) con ben sette finalisti (tre soltanto nei 3000 siepi). Tanti motivi, dunque, per tifare Italia e per seguire la rassegna continentale che va in scena a un mese dall’appuntamento olimpico.

IL PROGRAMMA COMPLETO DI OGGITUTTI GLI AZZURRI IN GARA OGGI

Premere F5 o fare refresh per aggiornare la pagina

21.46: si chiude qui la terza serata di gare ad Amsterdam. Prima medaglia (d’oro) per l’Italia che ha ottenuto buoni risultati con altri atleti

21.44: Schippers vince i 100 piani facendo esplodere lo stadio di Amsterdam con 10″90, secondo posto per Lalova, terzo posto con 11″20, la svizzera Kambundji è terza in 11″25. Infortunio per la britannica Henry

21.38: queste le protagoniste dei 100 donne: Pohrebnyak, Gnafoua, Kambundji, Henry, Lalova, Schippers, Pinto, Philip

21.36: resta l’ultima gara della serata, quella più attesa dagli olandesi, i 100 donne. L’oro sembra già assegnato a Schippers

21.34: Mekhissi vince con 8’25″63, Chatbi chiude con 8’32″43, Bamoussa è ottavo in 8’35″35, nono Floriani in 8’35″94

21.32: Oro alla Francia con Mekhissi che stavolta limita lo show, secondo Kaya, terzo il francese Kowal, crollo nell’ultimo giuro di Chatbi che viene superato nel finale dallo spagnolo Martos

21.30: fuga a tre con Chatbi assieme a Mekhissi e Kaya

21.29: Chatbi secondo al secondo chilometro

21.27: azzurri protagonisti nella prima parte del gruppo nel primo chilometro

21.24: non è partito il polacco Zalewski

21.22: tutto pronto per la finale dei 3000 siepi uomini con tre azzurriBamoussa, Chatbi e Floriani. Con loro al via Zalewski, Kivistik, Mullett, Merzoughi, Kaya, Kowal, Blomberg, Martos, Hesselbjerg, Duvar, Mekhissi, Carro

21.20: Fischer non avvicina Perkovic e dunque oro per Sandra Perkovic per la Croazia con 69.97, secondo posto per Fischer, terzo per Craft e quarto ancora Germania con Muller. Quindicesima l’azzurra Strumillo.

21.20: nullo l’ultimo lancio di Perkovic. Manca solo il lancio di Fischer

21.19: la Craft si migliora a 63.89 ed è sicuramente terza nel disco

21.17: Perkovic aumenta nettamente il vantaggio sulle rivali: al quinto lancio piazza un 69.97 inarrivabile per tutte le altre

21.14: il turco Arikan domina i 10.000 con 20’18″42, secondo il turco Kaya con 28’21″42, terzo lo spagnolo Abadia in 29’28″07. Per l’Italia El Mazoury è nono con 29’29″36

21.12: attenzione! Squalificato Churandy Martina per invasione di corsia nei 200 e dunque oro Spagna con Hortelano, argento Gulyiev, bronzo Talbot. Manenti sale al sesto posto

21.11: doppietta turca in arrivo nei 10.000 El Mazoury doppiato

21.06: Sanja Perkovic fa 66.03 nel disco e scavalca la tedesca Fischer in testa alla graduatoria quando mancano due lanci

20.56: nei 10000 i tuchi Kaya e Arikan in fuga. El Mazoury si stacca dal gruppo che insegue il due di testa

20.54: nel disco Strumillo fa il secondo nullo e chiude al 15mo e ultimo posto con 55.78

20.53: Spanovic vince il salto in lungo con 6.94, secondo posto per la britannica Sawyers con 6.86, terza la tedesca Mihambo con 6.65

20.44: tra poco al via i 10.000 uomini con l’azzurro El Mazoury in gara contro Abadia, Kaya, Bouchikhi, Perez, Griffiths, Amare, Arikan, Lashyn, Vernon, Almeya, Mateo

20.41: non cambia granchè nel lungo. Sempre Spasovic, Sawyers, Mihambo

20.40: Perkovic con 63.09 si inserisce nel “campionato tedesco” al secondo posto del disco. Sempre prima Fischer. Secondo lancio nullo per Strumillo

20.37: bis d’oro per Churandy Martina con 20″37, argento alla Spagna con Hortelano (20″45), terzo Gulyiev per la Turchia 20″51. Manenti, grande lottatore ma un po’ spento nel finale è settimo a 20″66

20.35: finale dei 200 metri uomini con Mitchell-Blake, Manenti, Gulyiev, Bockarie, Talbot, Hortelano, Wilson e Martina

20.32: incredibile Lavillenie!!! Terzo errore a 5.75 e il francese non è neppure in classifica. Vince il polacco Sobera davanti al ceco Kudlicka, terzo lo sloveno Renner

20.31: Fischer in testa al disco con 65.77, davanti alle connazionali Craft e Muller, nona Strumillo dopo il primo turn o di lanci

20.29: gara in sicurezza della specialista azzurra che è partita forte ed ha tenuto nel finale il ritorno delle rivali. Seconda la francese Guei (51″21), terza Onuora (51″47), quarta Ohuruogu

20.28: Libaniaaaaaa Grenoooooot!!!!! Oro Italiaaaaaaaaaaa!!!! Bis d’oro per l’azzurra: 50″73 il tempo

20.27: partita la finale dei 400 donne

20.27: la tedesca Mihambo con 6.65 sale al terzo posto nel lungo

20.26: ecco le protagoniste della finale dei 400: van Leuweren, Swiety, Onuora, Guei, Ohuruogu, Grenot, Salaski, Holub

20.25: è il momento più atteso per l’Italia con Libania Grenot che scende in pista da favoritissima per il bis europeo sui 400 piani

20.23: secondo errore di Renaud Lavillenie, ora spalle al muro. Un salto per l’oro

20.22: errore di Lavillenie a 5.75

20.20: iniziata la finale del disco donne. C’è l’azzurra Valeria Strumillo. Protagoniste: Fischer, Robert Michon, Domjan, Anagnostopoulou, Asenjo, Lally, Perkovic, Sendriute, Semenova, Tomasevic, Craft, Pousse, Muller

20.19: l’olandese Vetter vince l’ultima serie dei 200 dell’eptathlon con 23″89

20.17: manca solo Lavillenie nell’asta. Sia Sobera, che è primo, sia il ceco Kudlicka, che attualmente è secondo, sbagliano i tre tentativi a 5.70 e dunque a Lavillenie basterà superare 5.75 per vincere l’oro

20.15: la britannica Sawyers piazza 6.86 al terzo salto e si inserisce al secondo posto alle spalle di Spanovic, superando la estone Balta

20.09: la estone Sadeiko vince la seconda serie dei 200 dell’eptathlon

20.06: Sobera sbaglia il primo tentativo a 5.60

20.02: ultima gara dell’eptathlon di giornata: i 200

20.01: Broeders sbaglia anche il terzo tentativo a 5.60 ed esce di scena. Restano in gara in tre nell’asta: Kudlicka, Sobera e Lavillenie che deve ancora entrare in gara

19.58: lo sloveno Renner, Lisek e Arents sono eliminati a 5.50

19.57: per Matteo Galvan un 45″80 che peggiora nettamente la sua performance di ieri. Apparso spento l’azzurro

19.55: male Matteo Galvan, ultimo nella finale dei 400. Vince Rooney con 45″29, Maslak è secondo per la Cechia con 45″36, terzo l’olandese Bonevacia con 45″41

19.54: partita la finale dei 400 uomini

19.53: la britannica Sawyers con 6.63 sale al terzo posto nel lungo femminile

19.51: il ceco Kudlicka supera i 5.60 al secondo tentativo nell’asta

19.50: tra poco il primo momento molto interessante per l’Italia con la finale dei 400 uomini. Al via Anne, Omelko, Janezic, Rooney, Borlèe, l’azzurro Matteo Galvan, Bonevacia, Maslak

19.48: la serba Ivana Spanovic mette una ipoteca sull’oro nel lungo donne con 6.94 che la porta in testa alla gara davanti a Balta e Mey

19.47: nell’asta il polacco Sobera supera i 5.60 al primo tentativo e si porta in testa

19.45: oro per la Turchia, Yasmani Copello Escobar con 48″98 vince i 400 ostacoli, secondo posto per lo spagnolo Fernandez con 49″06, terzo lo svizzero Hussein con 49″10, quarto Moro e quinto Williams

19.42: ora la finale dei 400 ostacoli uomini. Questi i protagonisti: Kucera, Green, Hussein, Warholm, Fernandez, Copello, Moro, Williams

19.40: ecatombe di atleti nell’asta. Solo sette gli atleti rimasti in gara a 5.50: Lavillenie che non ha ancora saltato, Kudlicka, Renner, Sobera, Broeders, Lisek e Arents. Saranno loro a giocarsi le medaglie

19.38: l’estone Balta vince con 6.65, seconda la turca Mey ion 6.62 e terza la tedesca Wester con 6.51

19.36: queste le finaliste dei 100 femminili: Henry, Kambundji, Gnafoua, Lalova, Pinto, Pohrebnyak, Schippers, Philip

19.34: la britannica Henry vince la terza semifinale con 11″09, secondo posto per la svizzera Kambundji. Irene Siragusa è ottava e ultima con 11″78

19.33: terza semifinale dei 100 con Irene Siragusa

19.27: Renner, Broeders e Lisek si vanno ad aggiungere al lotto degli atleti che hanno superato 5.50 nell’asta. Sono cinque finora

19.25: Lalova vince con con 11″26, secondo posto per Pinto, terzo per Pohrebnyak con 11″27, Hooper è quarta con 11″48 ma non basta per il ripescaggio visto che Haase con 11″46 ha fatto meglio nella batteria precedente

19.22: al via la seconda semifinale dei 100 con Hooper

19.19: prende il via la finale del lungo donne senza azzurre. Queste le protagoniste: Kather, Beck, Sagnia, Balta, Wester, Veldakova, Kornuta, Mey, Spanovic, Mihambo, Akpana Assa, Sawyers

19.17: impressionante Schippers! L’olandese vince la prima semifinale con 10″96. Meravigliosa

19.15: la francese Akapko sarà squalificata per falsa partenza

19.13: al momento Kudlicka e Sobera hanno superato al primo tentativo i 5.50 nell’asta. Lavillenbie entrerà in scena a 5.75

19.11: tra poco al via la prima semifinale dei 100 con l’olandese Schippers. Nella seconda c’è l’azzurra Hooper, nella terza l’altra italiana Siragusa

19.09: ancora un lancio fantastico di Wlodarczyk che vince l’oro con 78.14, medaglia d’argento per la tedesca Heidler con 75.77, terza l’azera Skydan (73.83), quarta Hitchon, quinta Marghieva

19.07: questi i finalisti dei 200 uomini: Gulyiev, Wilson, Talbot, Martina, Manenti, Hortelano, Bockarie, Mitchell-Blake

19.05: lo spagnolo Hortelano vince con 20″39 davanti all’olandese Bockarie con lo stesso tempo. Terzoil britannico Mitchell-Blake con 20″46 e dunque Manenti è in finale!!!! Infantino è sesto con 20″93

19.04: terza semifinale dei 200 con al via Antonio Infantino

19.02: non si ferma più Wlodarczyk: supera i 78 metri con 78.12 e a un turno dal termine mette sempre più l’ipoteca sull’oro

18.59: allunga ancora Wlodarczyk che piazza 77.65 e aumenta il vantaggio sulle inseguitrici

18.57: vince il britannico Talbot con 20″37, secondo Martina con 20″44, benissimo Manenti con 20″46, terzo e vicinissimo alla qualificazione. Sicuramente eliminato Desalu

18.55: seconda batteria dei 200 con l’azzurro Manenti e il campione europeo dei 100 Martina

18.50: Gulyiev vince la prima batteria con 20″69, secondo lo svizzero Wilson, terzo Saidy Ndure, quarto Desalu con 20″94 e un finale non proprio da ricordare. Vento contrario molto forte

18.48: prima semifinale dei 200 con l’azzurro Eseosa Desalu. In finale i primi due più i migliori due tempi

18.47: la azera Skydan lancia il martello a 73.83 e sale al terzo posto

18.45: ecco i finalisti degli 800 domenica: Lewandowski, Tuka, Giles, Benedetti, Bosse, Kszczot, Kupers, de Arriba

18.43: il polacco Lewandowski vince la seconda semifinale degli 800 con 1’47″16, davanti a Tuka e Giles. Lahbi è settimo con 1’48″87. Avremo un azzurro in finale, Giordano Benedetti, ripescato come miglior tempo

18.41: fuochi d’artificio nel martello: Wlodarczyk allunga a 77.11, risponde la tedesca Heidler con il primato stagionale a 75.77

18.39: al via la seconda semifinale degli 800 metri uomini con l’azzurro Lahbi che punta alla finale. Prima semifinale velocissima per cui bisogna arrivare fra i primi 3

18.37: entrano in pedana i protagonisti del salto con l’asta: Dilla, Lavillenie, Arents, Sobera, Art, Filippidis, Wojciechowski, Kudlicka, Valles, Joseph, Menaldo, Lisek, Renner, Hrvat, Broeders

18.35: Benedetti chiude al quarto posto la prima semifinale degli 800 con un veloce 1’46″74. Vince Kszczot con 1’46″32, davanti a Bosse e a Kupers che ha fatto una gara di testa. Possibile ripescaggio per l’azzurro

18.32: nel martello donne sempre in testa Wlodarczyk, seconda la tedesca Heidler che ha lanciato a 73.19 e terza la britannica Hitchon con 71.74

18.31: prima delle due semifinali deghli 800 piani uomini: c’è Benedetti al via

18.28: Margherita Magnani entra per il rotto della cuffia in finale con l’ultimo dei tempi di ripescaggio. L’azzurra dopo una prima parte coraggiosa crolla nel finale ma riesce a mantenere la posizione che serve per la finale. Vince Terzic ((4’09″71), davanti a Hrivnak Kolocova, Ennaoui e McDonald. Ripescate Makestad, Kock e Pereira

18.22: sta per partire la seconda semifinale dei 1500 con Margherita Magnani al via

18.21: la polacca Wlodarczyk spara il martello a 75.73 e mette una seria ipoteca per la vittoria finale

18.17: la olandese Hassan vince la prima semifinale dei 1500 con 4’13″45, davanti a Chicocka, Mageen e Pen.

18.16: Wlodarczyk va in testa al martello donne con 72.82, davanti a Heidler (71.27) e Hitchon (70.91)

18.12: al via la prima batteria dei 1500 donne. Non ci sono azzurre, ci sarà Margherita Magnani nella seconda.

18.06: al via la finale del martello donne. Queste le protagoniste: Wlodarczyk, Marghieva, Andersson, Castells, Kopron, Hitchon, Fiodorow, Heidler, Hrasnova, Safrankova, Novozhylova, Skydan

18.04: dopo due prove nell’eptathlon in testa l’olandese Vetter è in testa con 1984 davanti a Kasyanova (1978)  e alla britannoca Lake con 1972

18.02: buonasera, tutto pronto ad Amsterdam per il terzo pomeriggio di gare degli Europei di atletica. Si parte con il peso dell’eptathlon e con il martello donne senza azzurre

14.41: Lingua è in finale. Solo un atleta può superarlo e dunque domani ci sarà

14.40: bomba di Fajdek che aveva collezionato due nulli in qualificazione. Spara il martello a 78.82 e vola in finale. Lingua è decimo

14.39: la polacca Ankiewicz vince la quarta e ultima batteria dei 400 ostacoli con 52″43

14.31: la danese Troest vince la terza batteria dei 400 ostacoli con 56″32

14.27: ancora nullo il terzo lancio di Lingua che dunque chiude con 72.94. E’ nono e dovrebbe essere in finale

14.23: l’olandese Baak vince la seconda batteria dei 400 ostacoli con 56″88

14.18: Iuel vince la prikma batteria dei 400 ostacoli dove non ci sono azzurre al via: 56″98 il tempo della norvegese

14.11: nullo il secondo lancio di Lingua che è complessivamente nono, ancora virtualmente in finale

14.07: ecco le atlete qualificate per la finale del triplo: Jagaciak Michalska, Elbe, Minenko, Veldakova, Gierisch, Papahristou, Derkach, Costa, Mamona, Saladukha, Majkova e Makela

14.06: la russa Veldakova supoera i 14 metri nel triplo ed entra in finale con 14.11

13.57: iniziato il secondo round di qualifiche del martello. Marco Lingua inizia con 72.94 che dovrebbe bastare per la qualificaszione (attualmente è quinto assoluto)

13.54: l’albanese Gega vince la seconda batteria dei 3000 siepi con 9’38″87, davanti alla svizzera Schlumpf, alla finlandese Eriksson, l’ucraina Shatalova e l’irlandese Treacy. Ripescate O’Flaherty (Irl), Martin (Esp), Rehberg (Ger), Puzakova (Bel), Lovnes (Nor)

13.47: Daryia Derkach piazza il 13.96 e va di fatto in finale, mentre le due tedesche Elbe (14.24) e Gierisch (14.05) superano quota 14 e sono finaliste

13.44: Derkach è undicesima quando è già iniziata l’ultima rotazione di salti. Sarebbe in finale ma potrebbe non bastare

13.42: al via la seconda semifinale dei 3000 siepi donne

13.39: la tedesca Krause vince la prima semifinale dei 3000 siepi con 9’43″81, davanti alle turche Kaya e Akda, l’irlkandese Finn e la polacca Kowal

13.32: Derkach con 13.65 ottiene l’ottava misura attuale ma ha regalato 33 centrimetri in battuta

13.28: nel triplo donne la polacca Jagachiak Michalska con 14.33, la israeliana Minenko con 14.23 e la greca Papahristou con 14.00 vanno in finale. Tra poco il secondo salto di Derkach che era piaciuta nel primo

13.27: partita la prima semifinale dei 3000 siepi femminile. Non ci sono italiane al via

13.20: solo il bielorusso Tikhon, oltre a Nowicki, ha superato la linea dei 75 metri nel martello con 76.10

13.16: nullo per Falloni che è nono e praticamente fuori dalla finale del martello

13.15: primo nullo per Dariya Derkach

13.12: iniziate le qualificazioni del triplo donne. Al via anche l’azzurra Dariya Derkach

13.11: saranno tre gli azzurri in semifinale nei 110 ostacoli. Perini chiude al secondo posto l’ultima batteria con 13″68 e va avanti. Vince il britannico King, terzo l’ungherese Szucs

13.02: Emanuele Abate va a vincere la seconda batteria dei 110 ostacoli con 13″63, davanti a Buhler e Colomo. Il risultato cronometrico della seconda batteria qualifica di fatto anche Fofana per la semifinale perchè male che vada potranno superarlo solo i tre non qualificati direttamente nella terza batteria

13.00: seconda batteria dei 110 ostacoli con Abate al via

12.57: il polacco Niwicki è il primo a superare la linea dei 75 metri: 75.85 e qualificazione per la finale

12.56: Simone Falloni con 69.76 non si migliora e resta settimo. Nessuno ha ancora superato i 75 metri

12.54: Trajokovic con 13″39 vince la prima batteria, davanti a Contreras e Martinsen. Fofana è quarto con 13″71, quattro i tempi di ripescaggio

12.50: stanno per iniziare le batterie dei 110 ostacoli con tre azzurri al via. Nella prima al via l’azzurro Hassane Fofana. Piove a dirotto ad Amsterdam

12.43: primo lancio per Falloni: 70.53. E’ quinto. Nessuno finora ha superato la quota di 75 metri che dà l’accesso diretto alla finale

12.34: iniziato il primo gruppo di qualificazione del martello maschile con l’azzurro Simone Falloni che dà la caccia ad un posto in finale. Nel secondo gruppo dalle 13.50 Marco Lingua

12.32: con 13″26 la campionessa d’Europa francese Nana Djmou vince la terza e ultima serie dei 100 ostacoli. Cade la Tyminska ed è già fuori gara

12.29: dopo qualche problema all’impianto di partenza, la ungherese Kriszan vince la seconda serie dei 100 ostacoli dell’heptathlon

12.13: iniziata la sessione mattutina della terza giornata degli Europei di Amsterdam. Zsivoczky-Farkas si aggiudica la prima serie dei 100 ostacoli donne dell’heptathlon

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

Top