Judo, Rio 2016: Valentina Moscatt come Rosalba Forciniti a Londra 2012

Judo-Valentina-Moscatt-IJF.jpg

Comincia a chiarificarsi la vicenda che ha portato al ripescaggio di Valentina Moscatt per i Giochi Olimpici di Rio 2016: la judoka azzurra, infatti, ha beneficiato di una quota rimasta inutilizzata dagli atleti dell’Oceania, che la International Judo Federation ha ridistribuito all’atleta con più punti fra tutte le escluse delle sette categorie femminili (sempre tenendo conto della regola di un’atleta per nazione in ciascuna divisione di peso). Con i suoi 832 punti olimpici, Moscatt, prima esclusa dalla zona qualificazione della categoria 48 kg, è risultata infatti la prima in questo elenco, beffando per un solo punto la veterana belga Ilse Heylen (52 kg). Le atlete meglio piazzate dell’azzurra, a partire dai 1097 punti della francese Marie-Ève Gahié (70 kg), rappresentavano invece dei “doppioni” nella propria categoria.

Con le stesse modalità, una quota è stata ridistribuita anche nel settore maschile, sempre grazie al suo mancato utilizzo da parte dell’Oceania, ed attribuita all’uzbeko Soyib Kurbanov (100 kg). Sebbene ancora non sia stato ufficializzato nulla, potrebbe esserci una seconda quota inutilizzata nel settore maschile, ed in questo caso i nostri calcoli ci portano a dedurre che l’atleta ripescato potrebbe essere il neozelandese Jason Koster (100 kg). La Nuova Zelanda, infatti, aveva già utilizzato la sua quota continentale, ma con questo ripescaggio potrebbe comunque poter aggiungere un nuovo judoka al proprio elenco, esattamente come l’Italia.

Una piccola annotazione: a Londra 2012, Rosalba Forciniti conquistò la partecipazione olimpica proprio grazie alle quote inutilizzate dell’Oceania, per poi ottenere la medaglia di bronzo nella categoria 52 kg. Una coincidenza che fornirà sicuramente motivazioni ulteriori a Valentina Moscatt.

Clicca qui per la pagina Facebook JUDO LOTTA TAEKWONDO

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine: IJF

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top