Ginnastica, Campionati Italiani Assoluti – Come stanno le azzurre? Forma e stagione dell’Italia verso le Olimpiadi

Erika-Fasana-Mondiali-Nanning.jpg

Il PalaRuffini di Torino è pronto per ospitare i Campionati Italiani Assoluti di ginnastica artistica. Nel weekend del 9-10 luglio la nostra Nazionale sarà impegnata nell’ultima gara prima delle Olimpiadi 2016, un test fondamentale in vista dell’appuntamento più importante dell’intero quadriennio.

La rassegna a cinque cerchi è dietro l’angolo, solo sei ginnaste sono rimaste in corsa per vestire il body azzurro a Rio de Janeiro. Analizziamo nel dettaglio la stagione delle nostre ragazze e il loro stato di forma: quale sarà il quintetto che rappresenterà l’Italia ai Giochi Olimpici di Rio 2016?

 

VANESSA FERRARI – Dopo otto mesi di assenza dalle gare, complice un problema fisico al tendine d’Achille che l’ha costretta a una lunga riabilitazione, la Campionessa del Mondo 2006 è tornata in pedana due settimana fa ad Anadia per disputare l’ottava tappa della World Challenge Cup, la Coppa del Mondo riservata alle singole specialità.

La bresciana ha conquistato la medaglia di bronzo al corpo libero, è parsa in buona forma fisica, ha semplificato gli esercizi al quadrato e alla trave ma sembra in crescita. A un mese dalle Olimpiadi si attende un’ulteriore risposta sui quattro attrezzi da parte della nostra capitana.

 

CARLOTTA FERLITO – La dolorosa botta al collo e alla schiena patita a Jesolo l’ha costretta a fermarsi e a recuperare dopo un ottimo avvio di stagione. L’abbiamo rivista a Torino per la Finale di Serie A ma non era ancora al top. Dopo tre mesi dalla botta in laguna, la siciliana ritorna pienamente in gare per dare una risposta a tutto il circuito. Disputerà l’all-around, grande attenzione come sempre sulla trave.

 

ERIKA FASANA – Un avvio di stagione travagliato a causa dei problemi alle tibie. In Serie A l’abbiamo vista a lungo sulle parallele, si è scelta di preservarla durante il Trofeo di Jesolo e gli Europei, ma ora è arrivato il momento di impressionare in un contesto di primissimo piano. Non potremo ammirare il doppio avvitamento al volteggio, non metterà mano sugli staggi, ma avrà modo di eseguire il suo nuovo corpo libero: grande curiosità sulle difficoltà e sul livello di esecuzione, proprio come sarà alla trave.

 

ELISA MENEGHINI – Si riparte dall’esercizio spettacolare sulla trave esibito durante la Finale a Squadre degli Europei di Berna. Una prova di qualità e sostanza sui 10cm, da livello mondiale per difficoltà ed esecuzione. A Torino sarà impegnata su tutti gli attrezzi, dopo il trionfo del 2014 e il secondo posto nel 2015, provando a ruggire nuovamente nel concorso generale.

 

LARA MORI – La costanza ha contraddistinto la stagione della toscana che fino a questo punto ha sbagliato poco e si è resa protagonista di prove sostanzialmente pulite tra Serie A e Test Event, l’unica dell’intero lotto azzurro ad essere già volata a Rio de Janeiro. La continuità è una delle sue caratteristiche che aspettiamo di vedere anche a Torino sui quattro attrezzi in cui sarà impegnata.

 

MARTINA RIZZELLI – Ha disputato la Finale di Specialità agli Europei di Berna, risultato di punta di una buona stagione in cui ha gradualmente ripreso la forma dopo l’infortunio di fine 2015 che le impedì di partecipare ai Mondiali. Ha aumentato le difficoltà alle parallele dove esibirà uno degli esercizi più attesi del weekend. Il doppio avvitamento al volteggio è una prova fondamentale per l’intera Nazionale.

 

Lascia un commento

Top