Calcio femminile, Olimpiadi Rio 2016: le stelle della manifestazione a Cinque Cerchi

Alex-Morgan-Final-copy.jpg

A poco più di una settimana dall’inizio del Torneo Olimpico di calcio femminile, passiamo in rassegna quelle che potrebbero essere le giocatrici, per talento e qualità morali, potrebbero essere le stelle indiscusse della rassegna a Cinque Cerchi.

ALEX MORGAN

Partiamo dalla fuoriclasse degli Stati Uniti d’America pronta a caricarsi sulle spalle la squadra e trascinarla alla vittoria. In una squadra che ha perso punti di riferimento importanti, quali Abby Wambach, Lauren Cheney, Shannon Boxx e Lori Chalupny e dovendo fare i conti con le non perfette condizioni fisiche di Carli Lloyd, pallone d’oro 2015 e leader della nazionale stelle e strisce ai Mondiali 2015, è la Morgan a recitare il ruolo da protagonista.  In 110 apparizioni con la maglia della selezione statunitense sono ben 67 le realizzazioni, dieci delle quali nelle qualificazioni ai Giochi. Una Morgan, poi, particolarmente prolifica anche nelle ultime amichevoli di lusso in preparazione all’evento alle Olimpiadi: goal decisivo nell’amichevole contro la Francia, a segno contro la Germania e tris nelle due partite che hanno visto opposte le americane alle nipponiche, in una rivincita della finale mondiale. 

MARTA VIEIRA DA SILVA

Un’altra giocatrice importante che ha scritto pagine importanti con la maglia verdeoro e si presenta ai nastri di partenza della competizione in casa con tanta voglia di far bene. L’obiettivo di Marta e delle sue compagne è chiaro: aggiudicarsi la medaglia d’oro che la compagine calcistica al femminile non ha mai vinto, sfruttando il supporto dei tifosi brasiliani. In questo contesto,  la numero 10 del FC Rosengård è il riferimento incontrastato della Nazionale, non solo per il suo alto tasso tecnico ma anche per il carisma dentro e fuori dal campo. Vittoriosa del FIFA Women’s World Player of the Year dal 2006 al 2010, la fuoriclasse carioca vanta un curriculum ragguardevole condito da 20 reti in 27 incontri con la maglia del Brasile. Nella fase di preparazione alla competizione olimpica, la Seleçao si è cimentata in alcune amichevoli tra cui le ultime contro il Canada portando ad una vittoria e ad una sconfitta. Nel successo verdeoro, manco a dirlo, il 2-0 è stato firmato dalla fantasista grazie ad un goal da rapace d’area di rigore e ad un altro di pura qualità con un tracciante a pelo d’erba insaccatosi alla sinistra del portiere canadese. Non ci sono dubbi che Marta possa essere a tutti gli effetti tra le stelle del torneo.

EUGENIE LE SOMMIER

52 partite in 116 incontro sono le cifre  dell’attaccante francese, tra le calciatrici più importanti della competizione, in evidenza anche nel corso delle qualificazioni agli Europei 2017 con 6 reti in 7 partite. Prestazioni che parlano chiaro sulle qualità dell’attaccante dell’Olympique Lyon, campione d’Europa nella stagione 2015-2016. Un collettivo estremamente competitivo quella della Francia, con l’ossatura della compagine che ha vinto la Champions League, avente nella Le Sommier un terminale offensivo implacabile che potrebbe portare al sogno di una medaglia d’oro.

ALEXANDRA POPP

Tra i tanti talenti del roster tedesco, l’attaccante del Wolfsburg è quella che più impressiona per la capacità realizzativa (67 match disputati e 33 realizzazioni) e l’apporto dato alla squadra. Una delle trascinatrici del club tedesco fino alla finale persa ai calci di rigore con il Lione, nella Champions League 2015-2016, potrebbe avere la sua rivincita in Brasile, conquistando il successo olimpico sempre sfuggito alla selezione teutonica (3 bronzi a Sydney 2000, Atene 2004 e Pechino 2008).

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Immagine: pagina FB Alex Morgan

Lascia un commento

Top