Calcio, Europei 2016: tra Galles e Portogallo una finalista a sorpresa. È Ronaldo contro Bale

Cristiano-Ronaldo-portogallo-calcio-foto-da-twitter-uefa-euro-2016.jpg

E’ quasi lapalissiano: tra Galles e Portogallo, domani sera da Lione uscirà una finalista a sorpresa per l’edizione 2016 degli Europei di calco. Vero è che l’evidente sproporzione delle forze nel tabellone della fase a eliminazione diretta aveva anticipato simili scenari, ma i britannici hanno sorpreso nei quarti di finale il favorito Belgio e i lusitani, nei supplementari degli ottavi, si sono invece imposti sulla Croazia candidata a primeggiare proprio con i Diavoli Rossi. Sorprese continue, dunque, e per una delle due formazioni il sogno vivrà ancora fino a Parigi.

Cosa aspettarsi dalla prima semifinale? Il Portogallo di un Cristiano Ronaldo sempre nel vivo del gioco ma palesemente limitato da più di un problema fisico è arrivato fin qui con cinque pareggi in altrettante gare: ha rischiato di uscire subito ai gironi, ha sofferto e vinto al 118′ con la Croazia in maniera probabilmente immeritata e ha avuto la meglio della Polonia ai quarti solo dopo i calci di rigore. E’ tuttavia una squadra che pare compatta, dalla difesa costruita intorno al mastino del Real Madrid Pepe al centrocampo in cui il 18enne Renato Sanches, gettato nella mischia contro Lewandowski e compagni, ha subito dimostrato di poter valere il maxi investimento da 80 milioni di euro bonus compresi che il Bayern Monaco ha effettuato a inizio estate. In attacco si attende proprio il piglio ritrovato dell’ex Pallone d’Oro, finora autore di due gol ma anche di un rigore sbagliato e tanti lisci fatali, ma Nani (titolare) e Ricardo Quaresma (sesto uomo, se si parlasse di basket) stanno vivendo un’incredibile seconda giovinezza. Il Portogallo è dunque misterioso ma favorito. Non a caso, infatti, arriva costantemente tra le migliori quattro dell’Europeo dal 2004.

Se non favorito (anzi, tutt’altro), misterioso era anche il Galles di Christopher Coleman alla vigilia della sua prima manifestazione internazionale. C’erano cinque nazionali esordienti a Euro 2016 e i Dragoni hanno già percorso più strada di tutti, perdendo solo nella fase a gironi con i cugini inglesi che ora però sono costretti a seguire il torneo della televisione. Nelle prime gare si è assistito a un fantastico Gareth Bale show: sempre decisivo l’attaccante del Real Madrid, tanto in maglia Blancos quanto con i propri colori d’origine, con tre gol complessivi. Ma nei quarti contro il Belgio, tanto talento ma poca organizzazione tattica, quella che invece rappresenta la vera forza del Galles, mister 100 milioni ha solo assistito da maestro soddisfatto alla prestazione monumentale di tutti i propri compagni, che contro il Portogallo non avranno il leader del centrocampo Aaron Ramsey (squalificato) ma cercheranno di imbrigliare con un pragmatico 3-5-2 il talento dei rossoverdi. Il mondo attende Ronaldo contro Bale, il verdetto è apertissimo e i britannici possono davvero sognare.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Twitter Uefa Euro 2016

Lascia un commento

Top