Basket, Europei femminili U20: l’Italia supera la Bosnia 76-69 agli ottavi e si regala la Lettonia

Nazionale-italiana-under-20-basket-femminile.jpg

Dopo il positivo esordio di sabato 9 luglio (61-54 alla Germania), la vittoria schiacciante sulla Serbia (68-41) e l’affermazione di misura di ieri contro la Svezia (60-56), la nostra Nazionale femminile under 20 di basket ha affrontato oggi il suo primo impegno da dentro-o-fuori all’Europeo di categoria in corso di svolgimento a Matosinhos, in Portogallo.

Le ragazze di coach Massimo Riga, nonostante la pesante assenza Marzia Tagliamento (Europei finiti per lei, ma comunque seduta in panchina vicina alle compagne, con vistosa fasciatura e stampella), non hanno deluso. Si vola ai quarti…ma quanta fatica…!

La sintesi del match. L’Italia inizia con il seguente quintetto: Kacerik, Zandalasini, Cabrini, Cordola, Reani. E inizia benissimo… Il primo quarto è un monologo azzurro: 24-10 senza repliche, con una Alessia Cabrini dalla mano caldissima (7 punti, 75% dal campo) ed una Cecilia Zandalasini semplicemente dominante, in difesa, in attacco, sotto canestro e nelle vesti di suggeritrice (6 punti, 4 rimbalzi, 2 assist e 2 palle rubate).

Il secondo quarto vede il prepotente ritorno delle bosniache, capaci di arrivare fino al -4 a 3′ dal riposo. Bene a tutto campo Andjela Delic: 11 punti e 4 rimbalzi difensivi; dall’altra parte, grande segmento di partita firmato dalla guardia di Venezia Francesca Pan (14 punti, 4 palle rubate, 1 assist). All’intervallo lungo, Italbasket rosa comunque avanti: 41-32.

La ripresa si apre con le triple assassine di Martina Kacerik e un altro tentativo di strappo delle azzurre: +14 dopo 4′. La solita Delic riporta sotto le sue, stavolta ben coadiuvata da Kovacevic, Brcaninovic e, soprattutto, Nikolina Delic. Le balcaniche riescono ad agguantare le ragazze di Massimo Riga a 120 secondi dalla terza sirena (52 pari), chiudendo la frazione addirittura in vantaggio di un punto. Grandi rimpianti per le italiane, diventate improvvisamente molto fallose, meno aggressive a rimbalzo e superate di slancio dalle avversarie nelle percentuali al tiro.

Ultimo quarto. I rimpianti di cui sopra si trasformano in rabbia agonistica e convinzione di essere superiori alle avversarie, così, dopo una partenza fulminante e i minuti successivi vissuti “in galleggiamento” tra svantaggi e vantaggi di misura, arriva il break decisivo a 4′ dal termine. Il quintetto Costa-Pan-Cabrini-Zandalasini-Kacerik guida la riscossa, conducendo per mano la squadra, non senza patemi e sofferenze, alla vittoria finale per 76 a 69.

Ancora una volta, Cecilia Zandalasini top scorer e MVP della partita: 20 punti, 9 rimbalzi, 4 assist, 3 palle rubate ed un eloquente 21 di valutazione. L’ala di Schio è stata assolutamente decisiva nei momenti delicati della contesa. Ora sotto con la Lettonia (venerdì), sbarazzatasi agevolmente della Slovacchia (61-42) nel primo pomeriggio portoghese.

Il tabellino

Italia-Bosnia 76-69 (41-32)

Italia: Vespignani, Policari, Porcu, Kacerik 14, Tagliamento ne, Zandalasini 20, Cabrini 9, Pan 18, Cordola, Vitari 2, Costa 11, Reani 2.

Bosnia: Vasilic ne, Delic A. 16, Delic N. 17, Glotic ne, Omerbasic ne, Zubac, Kovacevic 13, Brcina ne, Brcaninovic 16, Markovic 7, Boric ne, Milosevic ne.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giuseppe.urbano@oasport.it

Foto: pagina FB Federazione Italiana Pallacanestro

 

Lascia un commento

Top