Atletica, Mondiali Juniores 2016: Chopra da record nel giavellotto, male la 4×100 di Tortu

filippo-tortu-fidal-colombo.jpg

Penultimo pomeriggio di gare a Bydgoszcz (Polonia), dove si stanno svolgendo i Campionati Mondiali Juniores di atletica leggera. Come al solito non è mancato lo spettacolo, attraverso prestazioni di rilievo e la presenza di molti azzurri nella pista. Andiamo dunque ad analizzare tutti i risultati delle finali odierne.

RAGAZZI 

5000 metri – Selemon Barega dell’Etiopia è il padrone dei 5 km di pista, aggiudicandosi la prova in 13:21.21, precedendo il gibutiano Djamal Direh con 13:21.50 ed il keniano Wesley Ledama con  13:23.34. Male gli azzurri, con Sergiy Polikarpenko 17esimo e Dario De Caro 24esimo.

400 metri ostacoli – E’ il giamaicano Jaheel Hyde a tagliare per primo il traguardo con l’eccezionale crono di 49.03, seguito dallo statunitense Taylor McLaughlin con 49.45 e dall’atleta delle Isole Vergini Britanniche Kyron McMaster con 49.56.

4×100 – Seconda medaglia d’oro per Noah Lyles, che con i suoi Stati Uniti batte in volata il Giappone 38.93-39.01. 39.13 è invece il tempo sia della Giamaica sia della Germania, con i caraibici che però salgono sul podio per questione di centesimi. Brutta la prestazione degli azzurri, che chiudono in settima posizione dopo due cambi lunghi, con il tempo di 40.02 e con l’argento individuale Filippo Tortu bloccato dai crampi a fine gara.

Lancio del giavellotto – Bastano due lanci all’indiano Neeraj Chopra per sfoderare il record del mondo, trovando l’incredibile misura di 86.48, e conquistando il metallo più pregiato. Il neo-campione iridato ha preceduto in graduatoria il sudafricano Johan Grobler (80.59) ed il grenadino Anderson Peters (79.65).

Salto con l’asta – Lo statunitense Deakin Voltz vola a 5.65 e conquista la vittoria davanti all’australiano Kurtis Marschall con 5.55 e allo svedese Armand Duplantis con 5.45. Lontano l’azzurro Matteo Cristoforo Capello, solamente decimo con la misura di 5.30.

RAGAZZE

Lancio del martello – Brilla la stella norvegese Beatrice Llano, unica atleta capace di superare i 64 metri, scagliando l’attrezzo a 64.33. La medaglia d’argento va invece all’australiana Alexandra Hulley con 63.47, bronzo alla finlandese Suvi Koskinen con 62.49. Settima posizione per l’azzurra Sara Fantini, che chiude con la misura di 59.56.

200 metri – E’ del Bahrein il successo nel mezzo giro di pista, grazie alla prestazione di Edidiong Odiong con il tempo di 22.84. Seconda piazza per la colombiana Avelyn Rivera (23.21) , terza la francese Estelle Rafai (23.48).

4×100 – La staffetta veloce è facile preda degli Stati Uniti, che bissano il successo maschile con il tempo di 43.69, precedendo al traguardo la Francia (44.05) e la Germania (44.18) .

Foto: Colombo – FIDAL

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianni.lombardi@oasport.it

Lascia un commento

Top