Atletica, Europei 2016: si assegnano nove titoli nella quarta giornata. Špotáková e Małachowski attesi nei lanci

Atletica-Barbora-Spotakova-IAAF.jpg

Saranno nove le finali in programma quest’oggi ai Campionati Europei di atletica leggera 2016, in corso di svolgimento presso lo Stadio Olimpico di Amsterdam, capitale dei Paesi Bassi.

Ad aprire il programma della sessione pomeridiana sarà il lancio del giavellotto femminile, prova che vede la sua naturale favorita nella ceca Barbora Špotáková, detentrice del record del mondo e campionessa europea in carica. Altro concorso femminile, quello del salto con l’asta rappresenta una delle gare più aperte di questa rassegna continentale, anche se quest’anno le migliori sono state le greche, con Ekateríni Stefanídi favorita su Nikoléta Kiriakopoúlou.

Tra le gare più attese, i 110 metri con ostacoli vivranno il doppio turno con semifinali e finale: i favoriti sono i francesi, con Dimitri Bascou che guida i Bleus in assenza di Pascal Martinot-Lagarde, ed i tre azzurri (Lorenzo Perini, Emanuele Abate, Hassane Fofana) che andranno alla ricerca della qualificazione per la gara decisiva. Restando in casa Francia, Benjamin Compaoré sarà chiamato alla difesa del titolo nel salto triplo, ma dopo le qualificazioni sono altri a partire con i favori del pronostico, in particolare il polacco Karol Hoffmann ed il tedesco Max Heß, ancora diciannovenne.

Il polacco Piotr Małachowski sarà il favorito numero uno nel lancio del disco, ma il tedesco Christoph Harting tenterà di fare le veci di suoi fratello Robert per mantenere il titolo continentale in famiglia dopo le due vittorie consecutive proprio del maggiore.

Nell’eptathlon, continuerà il duello tra la padrona di casa olandese Anouk Vetter e la campionessa in carica francese Antoinette Nana Djimou Ida, con quest’ultima che proverà a dare uno scossone alla classifica in occasione della prova del lancio del giavellotto. Il programma si chiuderà con le prove di corsa, in particolare gli 800 metri femminili, con la francese Rénelle Lamote nel ruolo di favorita e l’italo-cubana Yuneysi Santiusti in quello di outsider, ed i 5.000 metri femminili, dove la turca Yasemin Can andrà alla ricerca della sua seconda medaglia d’oro dopo il trionfo nella distanza doppia.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine:

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top