Atletica, Europei 2016: Rossit e Trost a caccia di medaglie

pagina-fb-desiree-rossit.jpg

Si apre una nuova giornata pieni di italiani agli Europei di atletica leggera di Amsterdam. Sarà infatti molto folta la rappresentanza azzurra che scenderà in pista quest’oggi, attraverso batterie e finali con in gioco le medaglia. Andiamo dunque a fare il punto sulle ambizioni dei rappresentanti del Bel Paese nelle gare odierne.

Iniziamo dal salto con l’asta femminile, dove la giovane Sonia Malavisi dovrà superare il suo attuale record personale per superare la quota minima di qualificazione, fissata a 4.55. Non un obiettivo semplice dunque, ma la romana ha più volte dimostrato di non lasciarsi intimorire nei momenti che contano. Complicate appaiono inoltre le qualificazioni di Davide Manenti ed Antonio Infantino, impegnati nelle batterie dei 200 metri, e quelle di Irene Siragusa e Gloria Hooper nei 100. Avranno invece più chance Giordano Benedetti e Jacopo Lahbi, che negli 800 non hanno personali stagionali molto lontani da quelli degli avversari.

Dopo l’automatico passaggio del turno nelle batterie, scenderà in pista il recorman italiano dei 400 metri Matteo Galvan, che correrà le semifinali. Si defila invece soltanto una passerella quella di Hannes Kirchler nel lancio del disco, poichè l’altoatesino sembra, a livello di riscontri metrici, un gradino sotto i più quotati rivali. Rimanendo in pista, cerca una storica finale Giulia Pennella nei 100 ostacoli, così come Massimiliano Ferraro e Filippo Tortu nei 100, e Mohad Abdikadar, Joao Bussotti e Marco Pettenazzo nei 1500.

Debutta anche Libania Grenot nei 400 metri, accompagnata dalla ripescata di ieri Maria Chigbolu, ma l’attrazione della serata è per la finale di salto in alto femminile, dove Alessia Trost e Desirèe Rossit potranno dire la loro anche in chiave medaglia.

Foto: Profilo Facebook Desirèe Rossit

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianni.lombardi@oasport.it

Lascia un commento

Top