Volley, Grand Prix 2016 – Egonu trascina l’Italia, Giappone steso al tie-break! Secondo successo azzurro a Rio

Paola-Egonu-Italia-volley-Grand-Prix.jpg

Al termine di una partita combattuta e molto tirata, caratterizzata da due facce della stessa medaglia, l’Italia sconfigge il Giappone per 3-2 (25-20; 25-20; 23-25; 25-27; 15-8) e conquista così la seconda vittoria consecutiva nel Grand Prix 2016 di volley femminile.

Le azzurre stendono le nipponiche con lo stesso risultato di tre settimane fa quando quel tie-break valse la qualificazione alle Olimpiadi 2016. Dopo il successo di ieri sulla Serbia e la sconfitta all’esordio contro il Brasile, la nostra Nazionale chiude la propria trasferta a Rio de Janeiro con cinque punti all’attivo e tante risposte positive sotto il profilo del gioco.

Ora l’Italia torna a casa e si prepara per le gare del prossimo weekend: il PalaFlorio di Bari accoglierà le nostre ragazze per il secondo fine settimana della competizione mondiale itinerante che prevede le sfide a Thailandia, Paesi Bassi e Russia.

 

Marco Bonitta ha nuovamente cambiato il sestetto di partenza, proponendo l’innovativa coppia di banda composta da Paola Egonu e Anastasia Guerra, tandem già visto nel Club Italia e che ha previsto l’esclusione di Miriam Sylla dopo la superlativa partita di ieri. Al centro debutto in azzurro da titolare per Laura Melandri che ha sostituito Cristina Chirichella accanto ad Anna Danesi. Confermata la diagonale con Ofelia Malinov in cabina di regia e Valentina Diouf opposto, Monica De Gennaro riprende il suo posto da libero.

Il nuovo scacchiere dell’Italia ha convinto nell’arco dell’intera sfida, ma soprattutto nei primi due parziali dove abbiamo messo sotto il Giappone. Nel primo parziale determinante un turno in battuta di Diouf, nel secondo è salita in cattedra Egonu. Le azzurre hanno provato a chiudere il match per 3-0: sotto 16-23 nel terzo set si sono spinte fino al 23-24 prima di soccombere.

Nel tie-break non c’è stata storia: azzurre superlative con Egonu, Diouf, Danesi per chiudere la contesa in nostro favore.

 

Oltre a una scatenata Egonu da 30 punti e al buonissimo lavoro di Diouf (14, 4 aces), spiccano i primi tempi di Danesi (12 punti, 4 muri) e il debutto positivo di Melandri (10). Regia di Malinov apprezzabile anche se ci sono state diverse alzate sbagliate. Guerra ha fallito in ricezione anche se si è fatta sentire in attacco (15). Promossa De Gennaro con un paio di voli da copertina.

 

Lascia un commento

Top