Tuffi, Assoluti estivi open: Cagnotto-Dallapè battono ancora Abel-Ware! Cresce Batki

Cagnotto-Dallapè-tuffi-foto-deepbluemedia-comunicato-ufficiale-len.jpg

Al Canada Mondiali 2015 e Coppa del Mondo, all’Italia le quattro tappe delle World Series 2016 e gli Assoluti estivi open iniziati oggi al Foro Italico di Roma. Il testa a testa olimpico tra Tania Cagnotto-Francesca Dallapè e Jennifer Abel-Pamela Ware nel sincro 3 metri, realisticamente per la medaglia d’argento dietro all’inarrivabile Cina, continua nella kermesse tricolore e premia le azzurre, prime a quota 306.33 punti con obbligatori da 106.20 e liberi da 65.70, 66.03 e 68.40 punti. Le canadesi si peggiorano rispetto alla mattinata (305.28) e rimangono dietro alle otto volte regine d’Europa.

Spettacolo nella piattaforma femminile, con due atlete da potenziale medaglia olimpica – sia nell’individuale che nel sincro – come le nordamericane Roseline Filion e Meaghan Benfeito. Vince la prima, che per altro ha rischiato di perdere il treno olimpico a causa di un infortunio accusato in inverno, con 367.50 punti, mentre la connazionale è poco dietro a quota 362.10. Impressionante, benché nota, la regolarità delle due canadesi, da anni ai vertici della disciplina a livello mondiale. Le due “trascinano” anche l’azzurra Noemi Batki, prima della classifica italiana con 324.80 punti e un super doppio e mezzo rovesciato raggruppato che arriva anche agli 8.5/9. La triestina ha vissuto momenti difficili in stagione ma pare motivata verso un’Olimpiade degna del suo talento. Argento per Chiara Pellacani (245.50), classe 2002 che strappa gli applausi per un avvitamento indietro da coefficiente 3.2 da 70.40, bronzo per Paola Flaminio (222.65).

Il bis canadese si completa con la prima gara del programma, i 3 metri maschili, che premiano Philippe Gagné con 463.75 punti. Il titolo nazionale in questo caso va a Michele Benedetti, che sarà in gara anche in Brasile, secondo a quota 412.95 nonostante una penalità per falsa partenza nell’avvitamento rovesciato, mentre sul podio salgono altri due atleti della Marina Militare, Tommaso Rinaldi (382.50) e Lorenzo Marsaglia (376.05), quinto in gara dietro a un altro ospite, l’irlandese Oliver Dingley (376.80) qualificato alle Olimpiadi per la prima volta nella storia del suo paese dal 1948.

Giovanni Tocci, detentore del tricolore e grande protagonista agli Europei di Londra con il sesto posto conclusivo, è solo ottavo (sesto tra gli italiani) a causa di numerosi errori, il più vistoso dei quali nel triplo e mezzo rovesciato raggruppato (31.50 con media del 3). Assente invece l’altro azzurro qualificato nella specialità a Rio 2016, quell’Andrea Chiarabini costretto a rinunciare anche alla rassegna continentale inglese di inizio maggio per un problema alla schiena.

I RISULTATI COMPLETI DELLA PRIMA GIORNATA

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: DeepBlueMedia/comunicato Len

Lascia un commento

Top