Tennis, Olimpiadi Rio 2016: Fognini-Bolelli sperano nella wild-card. Vinci ed Errani di nuovo insieme?

tennis-fabio-fognini-simone-bolelli-fb-fabio-fognini.jpg

Con la fine del Roland Garros si è chiusa la possibilità per i tennisti di ottenere punti nella classifica Atp necessari per determinare anche i ranking olimpici. Se in singolare non sembrano esserci molti dubbi (al femminile continua a tenere banco il caso Giorgi), in doppio l’Italia non ha ancora sciolto i dubbi su quali coppie parteciperanno in Brasile.

Al maschile prima dell’infortunio di Simone Bolelli, tutto faceva presagire ad una sicura unione tra il bolognese e Fabio Fognini. I due azzurri insieme hanno vinto gli Australian Open lo scorso anno e hanno giocato anche le Atp Finals, chiudendo tra le migliori otto coppie al mondo. Purtroppo i numerosi problemi fisici avuti da entrambi in questa stagione e specialmente quelli accusati da Bolelli, hanno di fatto tolto la matematica certezza di poter mantenere questo duo anche a Rio.

Il crollo nel ranking Atp del bolognese lascia a questo punto solo un’unica speranza per la coppia azzurra ed è quella della Wild Card, come ha fatto chiaramente capire il presidente della Federtennis, Angelo Binaghi: “La Federtennis ha intenzione di chiedere una wild-card per il doppio maschile, Fognini-Bolelli, per i prossimi Giochi di Rio 2016. Parliamo di una coppia che lo scorso anno ha vinto l’Australian Open, sono il doppio titolare dell’Italia che nel prossimo luglio si giocherà l’accesso alla semifinale di Coppa Davis, penso che abbiano i requisiti per ottenerla. Se non avessero avuto degli infortuni, prima Fabio e poi Simone avrebbero tranquillamente conquistato sul campo la qualificazione. Ricordo che l’anno scorso hanno chiuso tra le migliori otto coppie al mondo, giocando le Atp Finals a Londra”

Non dovesse essere accettata la wild card, l’Italia ha comunque un piano di riserva ed è quello di unire Fabio Fognini ed Andreas Seppi, che insieme hanno già giocato sia agli Internazionali d’Italia sia al Roland Garros, anche se con risultati abbastanza deludenti. Ci sarebbe anche la possibilità di schierare Paolo Lorenzi, ma difficilmente il tennista nativo di Roma giocherà in doppio.

Se al maschile almeno qualche piccola certezza c’è, al femminile tutto è ancora in alto mare e davvero non si riesce ad ipotizzare quali possano essere le coppie azzurre a Rio 2016. L’Italia, come tutti gli altri paesi, può schierare al massimo due coppie e ne avrebbe anche la facoltà e dunque qui si aprono mille possibili scenari.
In questo momento in singolare sarebbero convocate Roberta Vinci, Flavia Pennetta, Sara Errani e Camila Giorgi, ma almeno due di loro (Pennetta e Giorgi) per differenti motivi potrebbero non partecipare ai Giochi Olimpici e dunque rientrano in corsa sia Karin Knapp (utilizzerebbe il protected ranking di numero 45 del mondo visto l’infortunio di oltre sei mesi) e Francesca Schiavone (che grazie alla vittoria di uno Slam può rientrare tra le possibili convocate).

Resta il mistero di quali potranno essere i due doppi e anche la Federazione e addirittura il Presidente del CONI Giovanni Malagò non aiutano a fare molta chiarezza sulla vicenda. Binaghi ha commentato così le voci di un possibile rientro in maglia azzurra di Flavia Pennetta e addirittura di un possibile ritorno della coppia Vinci-Errani: “Ora è concentrata sul matrimonio con Fabio Fognini, poi si vedrà, io resto fiducioso. Il capitano di Coppa Davis e Fed Cup, Corrado Barazzutti, ha il mandato di esplorare tutte le possibilità, per schierare la squadra più competitiva”.
Malagò parla addirittura di possibile sorpresa : “Chi gioca il doppio femminile? Questa è una bella domanda. Secondo me ci sarà qualche sorpresa. Flavia? Non lo so, magari giocano insieme l’Errani e la Vinci”

Non va dimenticato che a Rio ci sarà anche un doppio misto da affrontare e qui l’unica certezza sembra essere la presenza di Fabio Fognini. Il ligure ha giocato qualche volta con Sara Errani e dunque potrebbero essere loro la coppia selezionata, ma se dovesse tornare Flavia Pennetta ecco che tutte le possibili variabili potrebbero cambiare.
Una cosa è certa: a poco meno di due mesi dall’Olimpiade regna ancora la totale incertezza nell’Italia del tennis e non è certamente il miglior viatico per conquistare una medaglia a Rio.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

andrea.ziglio@oasport.it

Foto pagina FB di Fabio Fognini

Lascia un commento

Top