Scherma, Europei Torun 2016: sciabolatrici quinte, bis Velikaya

Irene-Vecchi-Rossella-Gregorio-Loreta-Gulotta-Ilaria-Bianco-sciabola-femminile-europei-scherma-torun-2016-foto-augusto-bizzi-federscherma.jpg

Abbonate al quarto/quinto posto. Quanti ne ha già raggiunti, in stagione, la sciabola femminile a squadre… Eppure questa (silenziosa) costante di risultati, più che dignitosa per lo meno in Coppa del Mondo, ha permesso alle azzurre di qualificarsi per Rio 2016, impresa alla portata ma tutt’altro che scontata se solo si pensa al flop delle colleghe della spada, naufragate in pochi mesi dal vertice del ranking Fie alla debacle che potrebbe aver chiuso un ciclo.

Il verdetto s’è ripetuto anche oggi a Torun, in Polonia, nella prova degli Europei che avrebbe dovuto regalare all’Italia punti importanti per modificare il tabellone olimpico ma che si è invece arenata ai quarti di finale contro una Francia nel complesso superiore, brava per altro a superare in semifinale anche l’Ucraina di Olga Kharlan (poi bronzo) per 45-40 prima di cedere 39-45 all’imbattibile Russia di Sofya Velikaya (finora, la donna dei campionati dopo l’oro individuale) e Yana Egorian nell’assalto conclusivo.

La rivalità tra azzurre e transalpine è una tradizione nella scherma. Talvolta va bene a noi, talvolta va bene a loro. Il fioretto sembra rimanere cosa italiana, così come è noto il doppio intreccio della spada che ai Mondiali di Mosca 2015 aprì la crisi delle donne chiudendo in maniera magica, invece, quella maschile. Nella sciabola femminile, al momento, Charlotte Lembach, Cecilia Berder e Manon Brunet sono più forti di Rossella Gregorio, Irene Vecchi, Loreta Gulotta e Ilaria Bianco, che tengono botta fino al 27-30 di fine sesto periodo prima di affossare con un netto 33-45.

L’Italia, sconfitta dunque al primo assalto della giornata, è poi riuscita a conquistare il successo nel tabellone di consolazione battendo 45-22 l’Azerbaijan e 45-42 l’Ungheria. Quinto posto, dunque.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Augusto Bizzi/Federscherma

Lascia un commento

Top