Nuoto, Trofeo Settecolli 2016: Pellegrini e Detti fenomenali, Castiglioni a 5 cerchi e le staffette lasciano perplessi

Heemskerk-Pellegrini-Bonnet-200-sl-europei-londra-2016-nuoto-foto-fin-deepbluemedia.jpg

Siamo giunti alla conclusione del 53° Trofeo Internazionale Settecolli 2016 di nuoto ed è tempo di tracciare un bilancio in chiave azzurra sulla manifestazione del Foro Italico in Roma. Analizziamo dunque aspetti positivi e negativi caratterizzanti il meeting romano.

SEGNALI POSITIVI: PELLEGRINI SUBLIME , LA CONFERMA DI DETTI ED UNA CASTIGLIONI OLIMPICA

Parlando di ciò che è andato per il verso giusto, non si può che parlare di Federica Pellegrini e delle sue prestazioni regali sui 100 e 200 stile libero. Il 53″18 (sesta prestazione mondiale) ed l’1’54″55 (seconda prestazione mondiale) delle due e quattro vasche hanno estasiato il pubblico romano, accorso in massa per le esibizioni della Divina. Le attese non sono state deluse e Federica, nella piscina che fu iridata nel 2009, ha saputo nuovamente emozionare, regalandosi una tre giorni da sogno. Riscontri cronometrici che forgiano le convinzioni della campionessa azzurra, in vista delle Olimpiadi di Rio 2016. Cosa ci si potrà aspettare da lei? Battaglie e sorprese che rappresentano la sintesi della carriera della veneta. In questo momento, tutto sembra girare per il verso giusto e quasi desidereremmo che le gare a 5 cerchi cominciassero domani con una Pellegrini in queste condizioni, Invece no, bisognerà attendere poco più di un mese prima di tuffarci con lei nella piscina brasiliana e sognare qualcosa di bello, qualcosa di storico.

Chi volerà a Rio, altresì, con tanta voglia di stupire è Gabriele Detti, la terza punta acquisita del tridente azzurro comprendente il livornese, Gregorio Paltrinieri e Federica. Gabriele, anche al Foro Italico, ha dato un saggio della sua voglia di arrivare, di raggiungere l’El Dorado, motivato a giocarsi le proprie chance fino in fondo nei 400 e 1500 stile libero. Il percorso intrapreso è confortante: un altro 3’44” nei 400 stile messo in cascina, la sesta prestazione italiana all-time nei 200 stile libero e la seconda mondiale negli 800 metri. Un ragazzo che più nuota e più migliora, nonostante carichi di lavoro disumani che stroncherebbero chiunque. Lui no, risponde presente e dice al mondo che vuol prendere parte al banchetto dei grandi. Detti può fregiarsi del quinto crono dell’anno nelle 8 vasche (a 2 decimi dal crono di Conor Jaeger 3’43″79 siglato ai trials americani) e le terza nei 1500. Una base solida su cui lavorare e proiettarsi nella terra dei 5 cerchi con tanta fame. Un altro aspetto positivo è la qualificazione di Arianna Castiglioni. L’1’07″15 ha regalato alla ranista lombarda Rio dopo un’annata di sofferenze e problemi fisici. Una reazione da grande campionessa che dimostra la fibra resistente dell’atleta e rilancia in ottica olimpica dove non si potrà che migliorare le proprie prestazioni.

SEGNALI NEGATIVI: STAFFETTE 4X100 STILE LIBERO UOMINI E 4X200 STILE LIBERO DONNE IN DIFFICOLTA’

Le note stonate della rassegna romana continuano ad essere la 4×100 stile libero uomini e la 4×200 stile libero donne. Se infatti l’Italia ha due grandi solisti, quali la strepitosa Pellegrini e il rinato Luca Dotto, le fondamenta dei due quartetti si sono sciolti come neve al sole. Tempi in media sul 1’59” (nel caso delle ragazze) e sul 49″ (per gli uomini) non promettono niente di buono. In più, guardando ai problemi fisici di Marco Orsi, la prospettiva di confermare il podio mondiale in Brasile si fa decisamente remota.

POCHE NOVITA’

In generale si è visto un livello medio modesto. Tra le poche novità positive spiccano le prestazioni di Christopher Ciccarese, Carlotta Zofkova e  Margherita Panziera che per questioni di decimi non sono valse la qualificazione ai Giochi ma, interpretando le parole di Cesare Butini (ct della Nazionale) non è escluso un loro inserimento nella spedizione. Le lieta novella è anche quella di Marco Belotti, entrato di diritto nel clan degli staffettisti della 4×200 che, ironia della sorte, è la prova a squadra con maggiori margini di miglioramento ed in crescita. Non resta che attendere le convocazioni, considerando altamente probabile un contingente numeroso.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Foto: Deepbluemedia

Lascia un commento

Top