Nuoto: Federica Pellegrini senza limiti! Una macchina (perfetta?) verso Rio

Federica-Pellegrini-nuoto-foto-fin-dpm.jpg

Senza limiti. E’ una macchina perfetta Federica Pellegrini, una garista che ha ormai trovato la sua dimensione e guarda con ottimismo verso le Olimpiadi. Sta andando tutto nel verso giusto, per fortuna ma non solo: anche per le abilità eccezionali della veneta, ispirata dai consigli di Matteo Giunta e avvolta da un alone di positività che la condurrà a Rio da favorita, sì, ma con la voglia di migliorarsi ancora di più, come sempre.

Il 2016 della Divina sta seguendo un percorso che definire degno di una programmazione scientifica è dire poco. In crescendo, step by step, raggiungendo ogni volta gli obiettivi parziali che erano stati fissati in precedenza. Federica ha nuotato bene agli Assoluti di aprile ed è volata a Londra senza ambizioni, si è presa il quarto oro europeo con un tempo discreto ed è tornata al lavoro per la fase più delicata dell’avvicinamento ai Giochi. Al Settecolli di questo fine settimana ha dimostrato cose mai viste, dal record italiano nei 100 sl al primato personale in tessuto dei 200. Ora è seconda al mondo nel 2016 e le rivali statunitensi, già spaventate ieri mattina sulle pagine della Gazzetta dello Sport, dormiranno altri sonni infelici in vista dei Trials a stelle e strisce che anche l’azzurra, siamo certi, attende con trepidazione.

La sensazione diffusa è che no, a Rio Federica Pellegrini non sbaglierà un’altra volta. La triste parentesi di Londra 2012 del resto è un’eccezione già dimenticata, visto che nei successivi due mondiali la fuoriclasse italiana si è presa due medaglie d’argento prolungando la propria striscia di podi a sei rassegne iridate consecutive. Mancano 39 giorni all’apertura dei Giochi brasiliani (5 agosto), ma la finale dei 200 sl è prevista per mercoledì 10, che poi sarebbe la mattina di giovedì 11 in Italia causa fuso e orari folli imposti dalla Nbc. C’è ancora tempo e per esaltarsi è presto, ma l’1’54”55 di ieri fa davvero ben sperare. E in eventuale arrivo testa a testa, si sa, davvero in poche potrebbero batterla. Chiamatela Robot Fede.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Fin/DeepBlueMedia

Lascia un commento

Top