Motomondiale: 66 anni dopo l’Italia sigla un nuovo pokerissimo nel GP d’Olanda

bruno_ruffo_1MOTOBLOG.jpg

La storia si ripete! Non è una semplice frase fatta, bensì realtà. Il GP d’Olanda si rivela nuovamente amuleto per i centauri azzurri della classe minore, un tempo chiamata 125, oggi Moto3. 5 italiani nei primi 5 posti della gara d’apertura della domenica motoristica “Orange”. Un pokerissimo che rimarrà nella storia del Motomondiale, con Francesco Bagnaia primo dinanzi ad Andrea Migno, Fabio Di Giannantonio, Romano Fenati e Niccolò Antonelli.

Sembra incredibile, ma nel 1950, 66 anni fa, la gara di Assen si chiuse con un altro pokerissimo made in Italy. Altra epoca, altre moto, altri uomini, ma medesimo risultato, ovvero un’apoteosi tricolore. Vinse Bruno Ruffo (in foto), che trionfò nel Mondiale di quella stagione in sella ad una FB Mondial, dinanzi al suo compagno di team Gianni Leoni, Giuseppe Matucci (Moto Morini), Umberto Braga (FB Mondial) e Felice Benasedo (MV Augusta).

Assen si è nuovamente tinta d’azzurro. 8 luglio 1950-26 giugno 2016, due date ed un parallelismo per cui i giovani piloti di oggi dovranno tener conto. Gli amanti del motociclismo italiano ricorderà questi due giorni all’infinito.

Foto: MOTOBLOG

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

ciro.salvini@oasport.it

 

Lascia un commento

Top