MotoGP – Yamaha spiega perché si è rotto il motore di Valentino Rossi al Mugello! Ecco tutte le cause

Valentino-Rossi-5-Marco-Fattori.jpg

Alla vigilia del weekend di Barcellona, settimo round del Mondiale di MotoGP, la Yamaha, per bocca del Project Leader Kouji Tsuya, ha chiarito attraverso un comunicato (fonte motogp.com) i motivi delle rotture dei motori di Jorge Lorenzo e Valentino Rossi nel corso dell’appuntamento del Mugello

“A seguito della nostra indagine dettagliata dei motori, i dati di telemetria e dei relativi sistemi abbiamo trovato la causa dei problemi: sono stati causati da un guasto elettronico relativo al limitatore di giri che ha portato a un danneggiamento della valvola e del pistone. La causa sia per Jorge che per Valentino è stata la stessa. Per essere chiari, non è stato un componente del motore, né un cedimento strutturale, è stata puramente una questione di controllo elettronico“.

Entrando nello specifico il tecnico nipponico ha precisato: Il problema di Valentino è stato causato da un accidentale su di giri in accelerazione che si è verificato saltando su un dosso a tutto gas alla fine del rettilineo. Quanto è avvenuto non è in alcun modo legato all’errore commesso da Valentino alla curva San Donato nel giro prima. Non ci sono stati particolari impostazioni di mappatura utilizzate per il Mugello; abbiamo utilizzato la stessa mappatura, come sempre. Ora abbiamo ritirato entrambi i motori dalla dotazione per la stagione

“Abbiamo una storia forte di affidabilità del motore e questo fatto non cambia dopo questo incidente – ha ribadito perentoriamente Tsuya –  Il motore di Rossi è stato il più fresco dei tre che sono stati sigillati, quindi dopo la rottura del motore nel warm-up di Jorge non vi era alcun motivo di prendere in considerazione la sua sostituzione. Inoltre non siamo riusciti a scoprire il problema elettronico nel motore di Lorenzo in un tale breve lasso di tempo”.

Come misura precauzionale, gli altri motori utilizzati sia da Valentino che da Jorge nel Mugello saranno utilizzati esclusivamente per le sessioni di prove, fino a quando i loro cicli di vita non saranno completati. Abbiamo ancora abbastanza motori per il resto della stagione. Abbiamo già messo a punto una contromisura, quindi siamo sicuri che i fallimenti del Mugello non si ripetano” – ha chiosato il Project Manager giapponese.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Foto di Marco Fattori

Lascia un commento

Top