LIVE – Ginnastica, Europei 2016 IN DIRETTA – Italia, cadute in serie! Che brividi per entrare tra le 8. Rizzelli e Busato in Finale, Gran Bretagna batte Russia

Italia-ginnastica-Europei-seniores.jpg

Sarà un lunghissimo giovedì 2 giugno per tutti gli appassionati della Polvere di Magnesio. Alla Post Finance Arena di Berna è in programma il turno di qualificazione seniores valido per gli Europei 2016 di ginnastica artistica femminile: in palio la partecipazione alla Finale a Squadre di sabato pomeriggio e quella alle Finali di Specialità di domenica mattina.

Si inizierà alle 10.00 ma il clou della giornata arriverà solamente alle 17.30 quando tutte le big del circuito scenderanno in pista nella quarta e ultima suddivisione. Spettacolo assicurato con Italia, Russia, Gran Bretagna, Romania, Germania, Belgio, Svizzera.

Aliya Mustafina, Ksenia Afanaseva, Daria Spiridonova, Catalina Ponor, le sorelle Downie, Claudia Fragapane, Giulia Steingruber. Questi sono solo alcuni dei nomi che ci faranno divertire in questa giornata di festa nel nostro Paese. L’Italia sarà rappresentata da Enus Mariani, Elisa Meneghini, Lara Mori, Martina Rizzelli e Sofia Busato che inseguono il maggior numero possibile di finali: ci aspettiamo una grande prestazione da parte delle azzurre.

 

OASport vi offrirà la DIRETTA SCRITTA del turno di qualificazione seniores degli Europei 2016 di ginnastica artistica femminile.

Volete conoscere tutti i punteggi in tempo reale? Rimanere costantemente aggiornati sulla classifica? Sapere minuto per minuto cosa sta succedendo a Berna? Seguire le prestazioni dell’Italia? OASport vi aggiornerà istante per istante, per non perdervi davvero nulla.

CLICCA SU F5 o FAI REFRESH SUI TUOI DISPOSITIVI PER AGGIORNARE LA PAGINA

 

Europei 2016 – Tutte le big in campo! Turno di qualificazione da urlo: analisi suddivisione per suddivisione

Europei 2016 – Il giorno dell’Italia. Azzurre in qualifica per prendersi le Finali: quintetto nuovo e ambizioso

Europei 2016 – Grande attesa per le big! Alle 17.30 la qualificazione: Mustafina, Ponor, Spiri, Steingruber, l’Italia

 

CLICCA QUI PER TUTTI GLI ORDINI DI ROTAZIONE

 

19.15 Grazie a tutti per averci seguito in questa lunga diretta. A breve cronaca, classificate alle Finali, pagelle e approfondimenti.

19.14 La Gran Bretagna ha battuto la Russia di un solo decimo: finisce 173.363 a 173.261. Ampio margine sulla Svizzera (166.128). Quarta la Romania (164.870), quinta la Germania (164.852), sesta la Francia (162.839) che aveva gareggiato in mattinata. Già detto dell’Italia che accede alla Finale insieme a una sorprendente Ungheria (161.963), capace di beffare il Belgio per soli 33 millesimi.

19.12 Eccezionale Catalina Ponor: 14.566 e c’è la finale al corpo libero. Romania quarta con 164.870. Italia sprofondata al settimo posto con 162.128. Abbiamo rischiato una clamorosa eliminazione, ci salviamo di due soli decimi su Ungheria (161.963) e Belgio (161.930).

19.11 Letteralmente immensa! 15.166 per Mustafina che balza in testa alla classifica: la Campionessa Olimpica di specialità andrà a caccia del titolo mentre viene clamorosamente eliminata Daria Spiridonova, quarta ma esclusa per la stupida regola dei passaporti. Ora vedete i danni che fate? Avete eliminato la Campionessa del Mondo e d’Europa con il quarto punteggio di giornata…Che spettacolo.

19.08 Spiridonova meno super del solito: 14.766 (6.3), dietro alla Melnikova e alla Downie. Ma attenzione: se Mustafina farà meglio di lei non vedremo in Finale la Campionessa del Mondo e d’Europa!

19.06 Melnikova 14.866, ora Spiridonova poi Mustafina.

19.03 Ora Russia alle parallele, Romania al corpo libero, Germania alla trave.

19.02 La Gran Bretagna chiude con un super 173.363, bellissima gara della Svizzera con 166.128. L’Italia si qualifica alla Finale ma che brividi: abbiamo rischiato una clamorosa eliminazione!

19.00 Meneghini 13.433 (6.0). L’Italia conclude la propria gara con 162.128, si salva di due decimi da Ungheria e Belgio. Avrebbe avuto del clamoroso. Siamo comunque dietro alla Francia (162.839).

18.59 Non ci voglio credere… Cade anche Elisa Meneghini! Tutte le azzurre sono cadute alla trave. Un semi disastro. Per lei addio Finale di Specialità, l’Italia sprofonda.

18.57 Lara Mori 12.633 (5.2). Almeno festeggiamo la Finale di Specialità di Martina Rizzelli alle parallele, ora è ufficiale come quella di Sofia Busato al volteggio.

18.56 E’ un incubo! Cade anche Lara Mori! Italia disastrosa.

18.54 Fragapane 14.566 al volteggio, la Gran Bretagna inizia a sognare il successo…

18.53 Enus Mariani 12.966 (5.6). Ora Lara Mori, per la terza volta sotto pressione e purtroppo sempre per gli errori di Mariani.

18.52 La giornata peggiore di Enus Mariani: cade anche dalla trave! Una gara pessima per il suo primo Europeo. Per l’Italia sfumano i sogni di rimonta, proveremo a concludere al sesto posto: molto, molto male.

18.50 Gran Bretagna al comando dopo tre rotazioni (128.798) ma la Russia è lì a tre decimi (128.463): britanniche al volteggio per l’ultima rotazione, le russe risponderanno alle parallele.

Più indietro la Svizzera (124.462) e la Germania (124.195). L’Italia è sesta (123.096), dietro anche alla Romania (123.938). Vediamo se le azzurre riusciranno a rimontare con una buona trave.

18.46 Eccezionale doppio avvitamento di Ksenia Afanaseva (14.966), poi 14.541 sul secondo salto e media di 14.573. Seconda nella classifica provvisoria, Sofia Busato scivola al terzo posto ma la Finale di Specialità è già garantita.

18.45 Kim Bui ritorna in gara ed è quella dei giorni migliori. Addirittura 14.566 per la veterana tedesca, terzo posto momentaneo. Martina Rizzelli deve ancora aspettare per fare festa.

18.43 Kim Bui alle parallele. Se non farà più di 14.166 Martina Rizzelli potrà festeggiare la conquista della Finale di Specialità. Intanto Catalina Ponor si prepara per salire alla trave.

18.42 Solo 13.800 per il secondo volteggio di Tuthkalyan che esce dalle linee di riferimento: 13.800 e media di 14.283, al momento è al settimo posto. Sofia Busato rimane saldamente in seconda piazza, ora è il turno di Ksenia Afanaseva.

18.40 Tutkhalyan porte il dty, 14.766 e ora si prepara per il secondo salto. La Russia sta mettendo fieno in cascina per assaltare la Gran Bretagna.

18.38 La Russia inizia ad andare in quota: doppio avvitamento di Melnikova, 14.833.

18.36 La Steingruber si ferma proprio sul più bello. La svizzera cade e sbaglia parecchio alla trave, solo 12.666. Il sogno delle padrone di casa di rimanere attaccate alle britanniche si ferma qui. Ora attendiamo la risposta della Russia al volteggio.

18.34 Che libero di Fragapane! Tocca addirittura quota 15.000, muro difficilmente abbattuto. La britannica esegue un esercizio da 6.4 e alimenta la fuga della Gran Bretagna.

18.32 Brava Laretta che fa il suo: 13.666 (5.5), quello che serviva per il gruppo. Ancora una volta è fondamentale per la squadra.

18.31 Davanti un altro livello. Addirittura Ilaria Kaesin si inventa un 14.266 alla trave per far sognare la svizzera. Stesso punteggio per Ellie Downie al corpo libero. Ora confronto a distanza tra le capitane Giulia Steingruber e Claudia Fragapane.

18.30 Enus Mariani 12.933 (5.5). Ora il testimone passa a Lara Mori, tanta pressione sulla toscana chiamata ancora a mettere solidità alla squadra come già fatto al corpo libero.

18.29 Giornata davvero no per Enus Mariani. Dopo le mani a terra al corpo libero cade anche alle parallele. Grave errore in casa Italia, Nazionale che vede scappare le altre. Addio Finale per la brianzola che sulla carta aveva la possibilità di entrare tra le otto.

18.27 Brava Rizzelli che ha il coraggio di portare il difficile esercizio da 6.2 in campo internazionale. Stringe i denti, si salva in un paio di circostanze, non molla e porta a casa un prezioso 14.166. Quarta nella classifica d’attrezzo, speriamo. Ora il turno di Enus Mariani.

18.26 Intanto arriva il 14.200 di Harrold al corpo libero, la Gran Bretagna tenta la fuga!

18.24 Ora l’Italia è alle parallele. Rizzelli e Mariani, servono due grandi esercizi per riportare in auge la Nazionale. Le due azzurre ne hanno le possibilità e sognano anche una Finale di Specialità.

18.22 La Gran Bretagna comanda grazie a una grande rotazione alle parallele e a una tenuta straordinaria alla trave. La Russia paga la caduta di Tutkhalyan alla trave, le imprecisioni al corpo libero di Melnikova e Mustafina, meravigliosa però sulla trave (14.700). Svizzera che si affida alle bombe della Steingruber e prova a rimanere in scia (poi pagherà nel corso della gara). L’Italia prova a scalare la classifica dopo le difficoltà al corpo libero, buono il volteggio ma ora serve alzare ulteriormente il livello alle parallele.

18.21 Gran Bretagna al comando a metà gara con 85.331 punti. Svizzera indietro di sei decimi (84.764), Russia subito lì con 83.898. L’Italia è sesta (82.331), di un soffio dietro a Germania (82.597), Romania (82.439).

18.20 Mustafina paga un’uscita di pedana sul suo nuovo corpo libero. Basse difficoltà (5.3) e 13.533 finale.

18.18 Sempre la Zarina a chiudere la suddivisione, tutte le altre ginnaste hanno terminato i propri esercizi. Al momento la Gran Bretagna è al comando ma vedremo come si collocherà la Russia.

18.16 Seda Tutkhalyan riscatta lo scivolone dalla trave, ma non giganteggia al corpo libero: 13.766 per la russa che non riesce ad andare oltre i 14 punti in questa rotazione. Ce la farà Aliya Mustafina? Ora occhi puntati sul suo nuovo corpo libero.

18.15 Ocolisan cade dalle parallele. Il film si ripete per la Romania: che incubo questi staggi.

18.14 Dopo una grande trave Angelina Melnikova stecca il corpo libero, pagando una grave uscita di pedana e alcune imprecisioni: 13.533 per la russa.

18.13 Inizia Melnikova al quadrato, mentre Holbura fatica e si prende 13.333 sugli staggi.

18.10 Ora la Russia al corpo libero: cresce l’attesa per il corpo libero di Aliya Mustafina! Romania alle parallele: sarà crisi nera come ai Mondali e al Test Event?

18.08 Steingruber stringe i denti alle parallele e ottiene un prezioso 14.033 alle parallele, l’attrezzo a lei meno congeniale. Si sta tirando dietro tutta la Svizzera. Che ginnasta! Downie 14.333 alla trave, quarto posto momentaneo: ai limiti della possibile finale.

18.07 Manca solo l’ufficialità aritmetica ma ormai possiamo dirlo: Sofia Busato è in Finale di Specialità al volteggio!

18.06 L’Italia ha ottenuto un parziale riscatto dopo la crisi al corpo libero. Il volteggio fa respirare le azzurre che provano a risalire la classifica. Sofia Busato ha fatto egregiamente il suo dovere, in linea con le aspettative Meneghini, manca qualche decimino a Rizzelli.

18.05 Busato c’è! Eccellente il secondo salto di Sofia che piazza un ottimo 14.333 (pulitissimo 8.933 di esecuzione), la sua media di 14.566 vale il secondo posto momentaneo alle spalle di Giulia Steingruber!

18.03 Fragapane 13.366 alla trave, stecca in alcuni punti e commette degli errori evidenti.

18.02 Bravissimaaaaaa Sofia! 14.800 con il doppio avvitamento, 9.0 per un’esecuzione di grandissima fattura. Ci sta perdere qualcosina con una giuria internazionale, ottimo punteggio. L’Italia respira e ora la Busato è pronta per il secondo salto: la Finale di Specialità è a un passo.

18.02 Jupp realizza 14.000 alla trave. Gran Bretagna in un buon momento, attesa per Fragapane.

18.01 Lecito aspettarsi di più da un dty: 14.366 per Rizzelli, non tantissimo per un elemento che vale 5.8, ma paga un passo indietro. Ora vediamo Busato che in Serie A è sempre stata oltre i 15 punti.

18.00 L’Italia cerca riscatto al volteggio. Meneghini con un avvitamento e mezzo da 14.233, ora ci giochiamo i dty di Rizzelli e Busato. Forza azzurre, bisogna risalire dopo gli errori al libero.

17.56 Questa la classifica al termine della prima rotazione: Gran Bretagna al comando (43.632) grazie alle super parallele di Downie, tallonata però dalla Svizzera (43.598) che sfrutta al meglio il volteggio impossibile della capitana Steingruber. La Romania, trascinata dai dty di Ponor e Ocolisan, rimane accanto con 43.407. La Russia paga la caduta di Tutkalyan ma la stoccata di Mustafina vale il 43.066. Italia indietro con 38.932.

17.55 Mustafinaaaaaaaa! La Zarina batte sempre il colpo quando deve: trave magistrale, ai livelli dei suoi giorni migliori, sull’attrezzo a lei meno congeniale: 14.733 (6.0). Che ritorno.

17.51 La caduta di Tutkhalyan viene punita, ma la Campionessa Olimpica Giovanile ottiene un comunque rilevante 13.833 dall’alto delle sue difficoltà (6.3). Ci dovrà pensare Aliya Mustafina a mettere a posto le cose. La Zarina chiuderà la prima rotazione, è l’ultima ginnasta in campo gara.

17.49 Ponor non molla un colpo: sontuoso doppio avvitamento al volteggio, valutato in 15.141, in linea con Steingruber (ma Catalina non disputerà la Finale, non ha il secondo salto).

17.48 Sbaglia anche la Russia! Caduta di Seda Tutkhalyan, grave errore per le loro ambizioni.

17.46 Qui salta fuori tutta l’eleganza, la precisione e la grazia di Angelina Melnikova. Due anni fa Campionessa d’Europa all-around tra le juniores, ormai definitivamente esplosa nel circuito che conta. Per la russa un eccellente 14.500 (6.1), primo posto parziale sui 10cm. Intanto Ocolisan esegue un ottimo dty al volteggio che le vale 14.666.

17.45 Rebecca Downie inizia a lanciare messaggi subliminali alle parallele: 15.033 (6.4) alle sua parallele. Spiridonova, prova a battermi sembra dire la britannica. Tra un’oretta abbondante la russa accetterà il guanto di sfida.

17.44 Italia in gran difficoltà al corpo libero. Le azzurre faticano a ingranare, pagano una mano a terra di Mariani oltre a diversi errori al pari di Meneghini, un piede fuori di Mori. La nostra Nazionale si ferma a quota 48.932, strada tutta in salita.

17.43 La seconda parte della prima suddivisione sarà succulenta con la trave della Russia (Melnikova, Tutkhalyan e Mustafina) e il volteggio della Romania (ci sarà Ponor).

17.42 Lara Mori esegue un buon esercizio al corpo libero, la toscana è la migliore delle azzurre nonostante un passo fuori pedana: 13.633 (5.8).

17.42 Il secondo volteggio di Giulia Steingruber è un doppio avvitamento valutato con un eccellente 15.200. La svizzera balza al comando con 15.433, la medaglia d’oro sembra essere solo affar suo.

17.39 Che numerooooo di Giulia Steingruber! Volteggio inverosimile: 15.666 (6.2 di difficoltà, addirittura 9.466 per l’esecuzione). L’Italia si aggrappa al corpo libero di Lara Mori per risalire la china, Ruby Harrold si ferma a 14.033 sugli staggi pagando un errore. Ora testimone a Rebecca Downie.

17.38 Infatti anche Elisa viene punita severamente: 13.033 (5.5, 7.633 di esecuzione). In precedenza 13.933 per la Derwael alla trave, terzo punteggio per la belga che incrocia le dita per la finali.

17.36 Imprecisioni sui vari arrivi anche per Elisa Meneghini. Attendiamo il punteggio, ma l’Italia inizia balbettando.

17.34 Giudici implacabili 12.266 (5.3), solo 6.966 per l’esecuzione. Strada in salita per l’Italia, ora è il turno di Elisa Meneghini.

17.34 Enus conclude il suo esercizio e ora attende il proprio punteggio. L’Italia incomincia il proprio cammino con un errore basso sull’ultima diagonale e mani appoggiate in prima: purtroppo molto male.

17.32 Enus pronta per esibirsi! Jupp alle parallele, Derwael al corpo libero, Svizzera al volteggio.

17.30 In perfetto orario svizzero il via ai consueti minuti di riscaldamento all’attrezzo. Pronte per iniziare… L’Italia salirà subito al corpo libero, sarà Enus Mariani a rompere il ghiaccio.

17.29 Le ragazze sono entrare nel palazzetto e sono pronte per presentarsi alle giurie!

17.28 La Germania presenterà la formazione B, priva delle stelle Schaefer, Seitz e Scheder. Capitana la veterana Kim Bui che ritorna in gara dopo un periodo difficile. La Svizzera si aggrappa all’immensa Giulia Steingruber. Il Belgio di Nina Derwael, Mys, Vandenhole promette battaglia. La Spagna completa il roster ma non ha particolari velleità: proverà a fare la corsa sulla Francia, al momento in testa alla classifica dopo le prime tre suddivisioni, per centrare una finale difficilissima.

17.26 La Gran Bretagna promette bene, è accreditata per il podio e sembra l’unica potenziale contendente della Russia. Presenti le sorelle Downie (Rebecca Campionessa d’Europa sugli staggi nel 2014 vuole la rivincita sulla Spiridonova; Ellie bronzo continentale all-around in carica) e Claudia Fragapane, carica per corpo libero e volteggio. Con loro Ruby Harrold e Gabriella Jupp.

17.24 La Romania difende il titolo conquistato a Sòfia 2014 ma le possibilità di confermarsi sono praticamente nulle. Infortunate e operate Larisa Iordache e Diana Bulimar, movimento allo sbando dopo la mancata qualificazione alle Olimpiadi 2016. Ci si aggrapperà all’eterna Catalina Ponor, che cerca le Finali alla sua trave (Campionessa Olimpica 2004 e già vincitrice di titoli europei) e al corpo libero (argento olimpico in carica).

17.22 La Russia è la grande favorita, vuole riprendersi lo scettro continentale e ha portato a Berna uno squadrone composto da Aliya Mustafina (atteso il nuovo corpo libero, pronta per incantare tra parallele e trave), Daria Spiridonova (Campionessa del Mondo e d’Europa alle parallele), Ksenia Afanaseva (non al top della forma, la vedremo al volteggio con i due salti ma non al suo corpo libero dove non difenderà il titolo continentale), le giovani Angelina Melnikova e Seda Tutkhalyan.

17.20 L’Italia incomincerà la propria avventura al corpo libero, girando insieme alla Germania. Mariani, Meneghini, Mori il primo terzetto azzurro in gara. La nostra Nazionale si presenta con importanti ambizioni e proverà a risalire sul podio continentale. Mariani e Meneghini a caccia della Finale alle parallele, Sofia Busato con i due salti al volteggio punta ad entrare tra le migliori 8 al primo anno da senior, Meneghini ha chiare chance alla trave. Primo Europeo per Mariani, Mori e Busato, Meneghini gareggiò già nel 2013 (finale all-around e alla trave) e 2014, Rizzelli nel 2014 e 2015 (finale all-around e alle parallele).

17.18 Le migliori 8 squadre si qualificheranno alla Finale di sabato pomeriggio. Le migliori 8 ginnaste sui vari attrezzi disputeranno le Finali di Specialità in programma domenica mattina (programma non all’altezza di un grande evento). Vige sempre la regola dei passaporti: massimo 2 ginnaste della stessa Nazione possono partecipare a un atto conclusivo.

17.17 Ricordiamo la formula della gara: 5-3-3. Ogni squadra schiererà 3 ginnaste sui vari attrezzi e tutti i punteggi verranno considerati ai fini della classifica generale: non c’è margine d’errore!

17.16 La Post Finance Arena inizia pian piano ad accogliere pubblico, pronto per sostenere la Svizzera di Giulia Steingruber, beniamina di casa e testimonial dell’evento.

17.15 A due mesi dalle Olimpiadi la tappa di Berna rappresenta un appuntamento fondamentale per l’intero movimento, un’autentica prova generale in vista dei Giochi. Alcune ginnaste hanno deciso di non venire per svariati motivi (Ferrari, Ferlito, Fasana, le punte della Germania, l’intera Olanda, Paseka e Komova), altre sono infortunate (Iordache e Bulimar) ma chi è in pedana oggi ha serie ambizioni di volare a Rio.

17.15 Tra quindici minuti la giornata salirà finalmente di tono. Complimenti a una buona Ungheria nella seconda parte di gara e brava la promessa Kovacs, ma ora si farà sul serio. Alle 17.30 iniziano i veri Europei 2016 di ginnastica artistica femminile: quarta suddivisione, in campo le migliori 8 squadre del Vecchio Continente (in base alla classifica di Sòfia 2014).

17.09 Questa la situazione al CORPO LIBERO prima dell’ultima suddivisione. L’olandese Mara Titarsolej comanda con un interessante 14.166 che potrebbe essere un punteggio da Finale. Alle sue spalle la francese Marine Brevet (13.800) e l’ungherese Zsofia Kovacs (13.666): per loro pochissime possibilità di accedere all’atto conclusivo.

17.08 Questa la situazione alla TRAVE prima dell’ultima suddivisione. Le francesi Marine Brevet (14.366) e Marine Boyer (14.200) hanno serie possibilità di qualificarsi alla Finale. Chance praticamente nulle per l’olandese Mara Titarsolej (13.733) e per l’ucraina Angelina Kysla (13.700).

17.07 Questa la situazione alle PARALLELE ASIMMETRICHE prima dell’ultima suddivisione. Al comando l’ungherese Zsofia Kovacs (14.200), accreditata per disputare la Finale. La francese Oreane Lechenault (14.033) ha meno chance Sembrano non poter bastare i 13.733 confezionati dall’olandese Mara Titarsolej e dalla portoghese Filipa Martins.

17.06 Questa la situazione al VOLTEGGIO prima dell’ultima suddivisione. Al comando la slovena Teja Belak (14.499), tallonata dall’ungherese Zsofia Kovacs (14.383) e dalla polacca Katarzyna Jurkowska (14.316). Quarta l’altra slovena Tjasa Kysselef. Ci sono buone possibilità, almeno per le prime due atlete, di accedere alla Finale di Specialità.

17.05 Questa la situazione nella PROVA A SQUADRE prima dell’ultima suddivisione. La Francia è al comando con 162.839 punti e spera che una delle 8 big rimanga dietro per accedere così alla Finale di sabato. Ungheria seconda (161.963) davanti a Polonia (156.778) e Ucraina (152.446).

17.02 Niente da fare per Makra che si ferma a 12.700. L’Ungheria totalizza 161.963 e chiuse così alle spalle della Francia, in testa con 162.839 prima dell’ultima suddivisione.

16.57 La promessa Kovacs ci fa vedere di cosa è capace: 14.200 (5.9). Se Makra dovesse realizzare un 13.600 allora l’Ungheria scavalcherà la Francia.

16.55 Boczogo 13.033 sugli staggi.

16.50 Filipa Martins 13.033 al corpo libero, non una grande gara per la portoghese. Ci avviamo verso la conclusione della terza suddivisione, ma prima bisognerà guardare con attenzione alle parallele dell’Ungheria.

16.45 Dopo tre rotazioni di gara l’Ungheria sale a quota 122.030 sfruttando al meglio la bordata di Kovacs al volteggio. Le magiare finiranno verosimilmente al secondo posto parziale alle spalle della Francia. Sembra infatti difficile che Boczogo e compagne possano fare 40.800 punti alle parallele per scavalcare le transalpine.

16.37 La Kovacs non ha un gran secondo salto in dote: 13.633, media di 14.383 e secondo posto in classifica. Vedremo se basterà per raggiungere la Finale.

16.32 Wooooooooooow! Il doppio avvitamento di Kovacs, 15.133 per l’ungherese che ora eseguirà il secondo salto per centrare la finale. Finalmente una botta in questa giornata fin qui molto moscia e vissuta sull’attesa delle big.

16.24 La trave di Filipa Martins vale 13.500, al momento sesto posto. Finale impossibile per la portoghese.

16.10 Ungheria a quota 79.131 a metà gara. Sugli altri attrezzi nulla di particolare da segnalare, solo prestazioni di basso livello sotto quota 12.

16.02 Kovacs 13.666, seguita dal 13.266 di Makra al corpo libero. Niente di che per l’Ungheria.

15.55 Iniziata la seconda suddivisione, da annotare il 13.733 della portoghese Martins alle parallele. A breve l’Ungheria al corpo libero.

15.45 Comunque inutile girarci intorno. Un programma del genere demolisce tutto il fascino dell’evento. Le big devono essere spalmate durante l’arco dell’intera giornata, ogni suddivisione deve offrire spettacolo, deve dare motivo per essere seguita, deve regalare la notizia e l’aspetto tecnico di rilievo. Racchiudere tutto in due ore non ha senso, perché non si riuscirà a dare eguale attenzione a tutte le atlete più forti. Con tutto il rispetto di Francia, Polonia, Ungheria e qualche individualista.

15.44 Fallosa anche Noemi Makra (13.233). Ungheria a quota 39.699 dopo la rotazione alla trave: non è un gran punteggio per le loro velleità.

15.35 Non benissimo Kovacs alle trave: 13.433. Ha passato il testimone all’esperta Boczogo che ottiene 13.033. Ungheria nel mezzo, chiuderà Makra.

15.20 Bentornati amici della ginnastica artistica. Sta per iniziare la terza suddivisione del turno di qualificazione agli Europei 2016 di ginnastica artistica femminile. Impegnata l’Ungheria di Makra, Kovacs e Boczogo. Gruppo non di particolare interesse ma iniziamo a scaldare i motori in vista delle 17.30 quando scenderanno in pedana tutte le big: Russia, Italia, Gran Bretagna, Romania, Svizzera, Germania, Belgio, Spagna.

14.01 Grazie a tutti per averci seguito in questa mattinata. Ci risentiamo tra un’oretta. Ricordiamo che l’Italia e tutte le altre big (Russia, Romania, Gran Bretagna, Belgio, Svizzera, Germania, Spagna) scenderanno in pedana alle 17.30 nell’ultima suddivisione.

14.00 Si è conclusa la seconda suddivisione di gara. Il turno di qualificazione seniores degli Europei 2016 di ginnastica artistica riprenderà alle 15.20 con la terza suddivisione. Ci sarà poco o nulla da guardare se non l’Ungheria di Kovacs, Makra e Boczogo che potrebbe togliersi delle soddisfazioni al pari della portoghese Filipa Martins.

13.46 La Polonia termina la propria gara con 156.778 punti, secondo posto parziale alle spalle della Francia (162.839). Nella seconda suddivisione poco è cambiato a livello individuale. Da annotare l’eliminazione alla trave di Vasiliki Millousi, tra le candidate per la finale. Al corpo libero balza in testa l’olandese Mara Titarsolej che con 14.166 punta alla finale. Alla trave sono sempre davanti le francesi Brevet (14.366) e Boyer (14.200). Alle parallele primo posto per la francese Oreane Lechenault (14.033). Al volteggio la polacca Jurkowska (14.316) va a insidiare Teja Belak.

13.27 Non eccellente la prova della Polonia al volteggio. Dopo tre rotazioni Jurkowska e compagne sono a 118.996, finiranno al secondo posto momentaneo. Succede poco sui vari attrezzi.

13.12 Polonia a quota 76.387, Bielorussia a 76.098. Siamo a metà gara per quanto riguarda la suddivisione. Per il momento da annotare solo l’eliminazione di Vasiliki Millousi dalla Finale alla trave e il colpaccio di Titarsolej al corpo libero (14.166). Come da previsione poche emozioni in questo gruppo di merito. Si deciderà tutto alle 17.30 con tutte le big.

13.06 Colpaccio inatteso di Mara Titarsolej! L’olandese stampa 14.166 al corpo libero e si porta al comando della classifica di specialità: un punteggio che potrebbe valere la finale.

13.05 Niente da fare per Vasiliki Millousi che commette diversi errori: 13.100 e addio Finale di Specialità.

13.02 Per Volleman 13.066 e nulle possibilità di accedere alla finale mentre Millousi termina il proprio esercizio.

13.01 Sale sull’attrezzo Millousi, nel frattempo un occhio anche al corpo libero di Volleman.

12.50 La Polonia transita al corpo libero dove arriva il 12.400 di Janik. Tra poco l’attesa trave di Vasiliki Millousi.

12.35 Errori per Volleman, non va oltre a 13.300 sui 10cm, punteggio che non basterà per la Finale. Xoulagi solo 9.666 alle parallele, brutto colpo per la sua Grecia.

12.30 Vediamo la trave di Tisha Volleman, olandese in gara a livello individuale vista la rinuncia di portare a Berna l’intera squadra, qualificata alle Olimpiadi.

12.23 Bene Jurkowska che ottiene un buon 13.666, la Polonia chiude alla trave con 37.898 punti. Ora la seconda rotazione al volteggio per il team di maggior interesse in questa seconda suddivisione. La Grecia e Vasiliki Millousi stanno per salire alle parallele.

12.18 Plichta 12.666, Jurkowska per chiudere la rotazione alla trave. Sugli altri attrezzi da annotare solo il 13.300 di Derek al corpo libero.

12.14 La Polonia inizia con il 11.566 di Janik che paga troppi errori. Inizio in salita per le biancorosse.

11.50 Scenderà in campo Vasiliki Millousi che cerca l’ennesima Finale alla trave. In pedana anche la Polonia. Lo spettacolo tarda ad arrivare…La tensione sale in vista delle 17.30.

11.40 Il turno di qualificazione degli Europei 2016 di ginnastica artistica riprenderà alle 12.10 con la seconda suddivisione.

11.37 Si è conclusa la prima suddivisione del turno di qualificazione degli Europei 2016 di ginnastica artistica femminile. Francia al comando con 162.839, le transalpine pagano una brutta rotazione alle parallele e ora dovranno aspettare le altre squadre per capire se potranno accedere alla finale. Seconda l’Ucraina (152.446), terza la Repubblica Ceca (146.363), quarta la Turchia (141.329).

Al volteggio comandano Teja Belak e Tjasa Kysselef con 14.499 e 14.291.Alle parallele buon 14.033 di Lechenault. Alla trave le francesi Brevet e Boyer (14.366 e 14.200) possono ambire alla finale di specialità. Al corpo libero conduce Brevet con 13.800.

11.29 Loan His commette degli evidenti errori e non va oltre 13.200. Rotazione complicata alle parallele per la Francia che conclude con 162.839, un filo sotto rispetto a quello che ci si poteva aspettare dopo tre rotazioni. Questo è il punteggio di riferimento per chi vorrà ambire a qualificarsi alla Finale a squadre.

11.25 Lechenault dà la scossa: 14.033 (6.3). La Francia prova a rialzarsi dopo il disastro della Lepin, ora il testimone passa a Loan His per la chiusura della gara.

11.23 Angelina Kysla solo 12.866 al corpo libero, niente finale per l’ucraina.

11.23 Cadute in serie per Alison Lepin sugli staggi: modesto 11.066, non tocca quota 5 nell’esecuzione. La Francia butta via così una gara di ottima fattura.

11.10 Tutto pronto per l’ultima rotazione della prima suddivisione. Da seguire la Francia alle parallele e la Kysla al corpo libero. Le transalpine vogliono concludere una gara fin qui di ottimo livello.

10.58 La trave di Kysla vale solo 13.700, finale praticamente impossibile. Vedremo al corpo libero di cosa sarà capace. Si sta per concludere la terza rotazione di gara.

10.55 Grandissimo doppio avvitamento di Boyer che si spinge fino a 14.700. Francia a quota 124.540 dopo tre rotazioni di gara, si punta a finire in zona 165.

10.53 Grazie stoccata di Marine Brevet che con un semplice avvitamento ottiene 14.241 al volteggio. Ora la chiusura di Boyer.

10.50 Lechenault porta un avvitamento da 13.700. Vediamo ora cosa farà Brevet.

10.45 Si è conclusa la seconda rotazione della prima suddivisione. Ora la Francia si trasferisce al volteggio, l’Ucraina sarà alla trave dove la Kysla potrebbe togliersi soddisfazioni.

10.36 Buona prova anche di Brevet che confeziona 13.800 al corpo libero. La Francia è in vetta con 81.899, un punteggio che può valere la Finale viste le difficoltà che sembra avere la Spagna, in pedana nell’ultima suddivisione.

10.30 Lechenault paga un brutto errore: 12.533. Punteggio pesante per le ambizioni della Francia. Ora tocca a Brevet chiudere la rotazione al corpo libero. Da annotare il 12.133 di Kysla alle parallele e il 13.599 della lettone Grisane che cerca la Finale al volteggio.

10.27 Marine Boyer incomincia con 13.600 al quadrato, non male. La Francia non ha il suo punto di forza nel corpo libero. Ora il turno di Lechenault.

10.24 Tutya Yilmaz 13.433 alla trave, difficilmente la turca potrà ambire alla Finale. Si è conclusa la prima rotazione di gara, ora cambio attrezzo. La Francia sarà al corpo libero.

10.19 Una suddivisione con poche emozioni, basata interamente su quanto farà la Francia che ora sta riposando in attesa di esibirsi al corpo libero. Il programma andava rivisto meglio per offrire lo spettacolo spalmato durante tutto il giorno e non concentrato solo in due ore nel tardo pomeriggio.

10.18 La svedese Marcela Torres chiude la propria prova al volteggio con la media di 14.016. Considerando la bassa concorrenza in circolazione potrebbe bastare per andare in finale.

10.10 E va alla grande anche Marine Boyer! 14.200 (6.1) per la transalpina che può puntare all’atto conclusivo, Francia sugli scudi alla trave. Ottimo avvio di gara, rotazione chiusa con 41.966.

10.07 Grandissima trave di Marine Brevet! 14.366, è un punteggio che potrebbe valere la qualificazione alla Finale di Specialità.

10.03 La Francia inizia con il 13.400 di Lechenault alla trave. Ricordiamo che si segue la formula 5-3-3, quindi tutti i punteggi ottenuti sui vari attrezzi verranno considerati ai fini della classifica generale. Non c’è margine d’errore.

09.58 Nella prima suddivisione c’è da tenere d’occhio la Francia che ha ambizioni di Finale. Girerà anche l’Ucraina, occhio anche alla turca Tutya Yilmaz che potrebbe pescare qualche finale.

09.55 Buongiorno amici della ginnastica. Alle 10.00 inizierà il lungo turno di qualificazione degli Europei 2016 di ginnastica artistica.

Lascia un commento

Top