Giro di Svizzera 2016: successo finale per Miguel Angel Lopez, ultima tappa a Pantano

Miguel-Angel-Lopez-e1466265573259.jpg

Miguel Angel Lopez, giovane scalatore colombiano, ha confermato la propria leadership nella classifica generale del Giro di Svizzera 2016 con una vera e propria prova di forza nell’ultima tappa da La Punt a Davos. Il successo parziale è andato a Jarlinson Pantano.

Il corridore dell’Astana, classe 1994, è stato scortato per la prima metà della salita da solito immenso Michele Scarponi: quando nella seconda parte dell’ultima ascesa sono iniziati gli scatti ha reagito in prima persona, con gli uomini più pericolosi in classifica già staccati, involandosi verso il Gpm di Flüelapass in solitaria. In discesa è stato raggiunto da Sergei Chernetski (Katusha), Tejay Van Garderen (BMC), Ion Izagirre (Movistar) e Jarlinson Pantano (IAM).

Izagirre, per difendere la seconda posizione in classifica generale, ha profuso un grande sforzo negli ultimi chilometri per allontanare Warren Barguil (Giant-Alpecin), pochi secondi più indietro con Rui Costa (Lampre-Merida). In volata, Pantano è partito per primo per andare a vincere una tappa importantissima per lui anche in ottica futura con la IAM destinata a chiudere a fine anno. Chernetski è arrivato secondo, mentre Izagirre ha chiuso sul terzo gradino del podio.

A seguire Lopez, che ha messo in cassaforte la vittoria della classifica generale. Per lui si tratta del primo successo della carriera in una corsa a tappe, per quanto breve, e potrebbe essere solo l’inizio di una carriera solida e vincente.

Alle sue spalle Izaguirre, mentre Barguil, nonostante sia arrivato a pari tempo con i migliori, si è dovuto accontentare del terzo posto. Quinto Talansky, fino a ieri in lotta per il successo finale, scavalcato anche da Pantano, vincitore della frazione odierna.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Foto: Profilo Twitter Tour de Suisse

Lascia un commento

Top